• CELEBRATI I FUNERALI - E' MORTO DON VINCENZO SCOTI ULTIMO DI UNA GENERAZIONE DI SACERDOTI CHE DAGLI ANNI '50 AD OGGI TUTTI INSIEME HANNO FATTO LA STORIA DELL'ANTICA DIOCESI ISOLANA - DON VINCENZO SCOTI DA TEMPO INFERMO AVEVA 92 ANNI-----------------------------(clicca sulla foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
  • GOLETTA VERDE CREA ALLARME E PAURA AD ISCHIA - PIUTTOSTO CHE BATTERSI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI GETTA BENZINA SUL FUOCO E CHIEDE DEMOLIZIONI IN MASSA-------------------------(clcca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
  • ALLA SPETTACOLARE FESTA A MARE AGLI SCOGLI DI S. ANNA A ISCHIA HA VINTO LA BARCA ADDOBBATA DI FORIO, SECONDA PROCIDA, TERZA LA MANDRA E QUARTA CASAMICCIOLA IN UN TRIPUDIO DI FOLLA ENTUSIASTA ED APPAGATA, LUCI, MUSICHE, CANTI, COLORE, GASTRONOMIA - GRANDIOSO SPETTACOLO DI FUOCHI PIROMUSICALI SPARATI DAL CASTELLO E DAL LATO OVEST DELLA BAIA - IL GIORNO PRIMA LA MESSA DEL VESCOVO LAGNESE ALLA CHIESETTA----------------------------------------(clicca sulle foto, le vedrai in primo e più grandi)
  • Unità si schianta sugli scogli a ischia, illesi i cinque diportisti presenti a bordo tratti in salvo dalla Guardia Costiera.---------------------------( clicca sulle foto le vedrai in primo piano e più grandi)
  • CONCLUSI I FESTEGGIAMENTI A CASAMICCIOLA PER LA RICORRENZA DI SANTA MARIA MADDALENA PENITENTE CON PROCESSIONE DELLA VIGILIA E SOLENNE PONTIFICALE DEL VESCOVO DI ISCHIA MONS. PIETRO LAGNESE COADIUVATO DAL PARROCO DON GINO BALLIRANO-----------------------------(clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
La notizia del giorno
CELEBRATI I FUNERALI – E’ MORTO DON VINCENZO SCOTI ULTIMO DI UNA GENERAZIONE DI SACERDOTI CHE DAGLI ANNI ’50 AD OGGI TUTTI INSIEME HANNO FATTO LA STORIA DELL’ANTICA DIOCESI ISOLANA – DON VINCENZO SCOTI DA TEMPO INFERMO AVEVA 92 ANNI—————————–(clicca sulla foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Servizio Particolare di
GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
STIAMO INSERENDO ALTRE FOTO
*******************************************************************************

L’ADDIO DELLA CHIESA DI ISCHIA A

DON VINCENZO SCOTI

Commossa partecipazione degli ultimi suoi fedeli della Cappellania di Lacco Ameno

CON DON VINCENZO SCOTI SCOMPARE L’ULTIMO ESEMPIO DI SACERDOZIO “AUTOREVOLE” DELLA DIOCESI DELL’ISOLA

di ANTONIO LUBRANO

La vita sacerdotale di Don Vincenzo Scoti ha avuto due fasi piene di spiritualità ed apostolato fra la gente. La prima si riferisce agli anni in cui, giovane prete, trova l’amicizia e l’appoggio del nuovo parroco della Cattedrale di Ischia Ponte Don Vincenzo Cenatiempo che nel 1946 dalla chiesa di Santa Maria La Porta di Piedimonte arriva alla Chiesa madre del Centro Storico carico di entusiasmo e voglia di rilanciare la grande Parrocchia. Don Vincenzo Cenatiempo e don Vincenzo Scoti, insieme per caso, ma più per volere divino, formano all’ombra del Castello un sodalizio di rara efficienza a cui si aggiunge anche l’opera di un altro sacerdote, non meno dinamico e positivo dei primi due, Don Liberato Morelli. Siamo nel vivo ciclo degli anni ’50 che inizia proprio con l’Anno Santo di Papa Pio XII. La seconda fase sacerdotale di Don Vincenzo Scoti prende corpo e lo eleva a protagonista, quando, lasciato, la parrocchia di Ischia Ponte, viene trasferito prima alla chiesa di Sant’Antonio in Casamicciola e poi alla Cappellania della Chiesa di S. Anna e San Gioacchino in Lacco Ameno, dove ritrova stima e calore dei numerosi fedeli che lo hanno seguito fino alla fine del suo mandato. In questa seconda fase della sua vita sacerdotale, ormai don Vincenzo è uomo di Dio navigato e maturo, e dalla Curia non hanno difficoltà a nominarlo Canonico della Cattedrale,Vicario Generale della Diocesi, Primicerio della Cattedrale e Protonatario Apostolico ed infine, per sua disponibilità Cappellano dell’Ospedale Rizzoli. Ma gli anni da ricordare e incorniciare sono decisamente quelli che hanno visto Don Vincenzo Scoti giovane sacerdote esprimersi con spirito fraterno nell’ampia ed osservante comunità parrocchiale di Ischia Ponte agli esordi del suo impegno come giovane sacerdote del clero isolano. Al Borgo di Celsa c’è fervore di fede e di partecipazione alla vita parrocchiale che Don Vincenzo Cenatiempo e Don Vincenzo Scoti tengono viva con iniziative socialI e di apostolato degne della migliore causa. Nell’ambito della parrocchia della Cattedrale funzionavano a pieno ritmo due circoli di Azione Cattolica, quello femminile che aveva sede al primo piano della casa natale di San Giovan Giuseppe della Croce in via Luigi Mazzella e quello maschile ubicato in Via Seminario a pochi passi dalla sede Vescovile. Don Vincenzo Scoti era il padre spirituale del Circolo maschile frequentato da tantissimi giovani di Ischia Ponte e di tutto il territorio della Parrocchia che si estendeva fino all’Addolorata. Don Vincenzo era il giovane prete fra i giovani del Borgo. Con loro seguiva anche i lavori di una Filodrammatica denominata Fisalugo (Filodrammatica San Luigi Gonzaga) nel ruolo di suggeritore di scena e di bravo suonatore di un vecchio armonium. Don Vincenzo era soprattutto amico di questi giovani a cui qualche anno prima aveva impartito lezioni domenicali di catechismo. Insomma Don Vincenzo Scoti con la sua attività pastorale intensa e continuativa ha rappresentato per la gioventù di Ischia Ponte un sicuro ed istruttivo punto di riferimento, nella località dove viveva con la sua famiglia. Tra i ricordi di chi ha vissuto quel tempo, rimane indelebile la memoria di tante sue “presenze” nell’attività ecclesiale della Parrocchia madre di Ischia. Don Vincenzo Scoti scomparso a 92 anni, era l’ultimo sacerdote della vecchia guardia del clero della Diocesi isolana. Ai funerali di ieri si è avuto la conferma .

SAM_0522
***********************************************************************
SAM_0372
SAM_0373
SAM_0371
SAM_0409
SAM_0376
SAM_0380
SAM_0384
SAM_0386
SAM_0391
SAM_0393
SAM_0400
SAM_0404
SAM_0405
SAM_0408
SAM_0418
SAM_0421
SAM_0422
SAM_0426
SAM_0429
SAM_0423
SAM_0431
SAM_0433
SAM_0436
SAM_0437
SAM_0441
SAM_0442
SAM_0443
SAM_0444
SAM_0445
SAM_0447
SAM_0448
SAM_0457
SAM_0458
SAM_0461
SAM_0462
SAM_0463
SAM_0464
SAM_0466
SAM_0468
SAM_0469
SAM_0470
SAM_0471
SAM_0479
SAM_0480
SAM_0481
SAM_0484
SAM_0487
SAM_0490
SAM_0493
SAM_0494
SAM_0495
 SAM_0515
SAM_0523
SAM_0529
SAM_0533
SAM_0534
SAM_0535
SAM_0537
SAM_0540
SAM_0541
SAM_0545
SAM_0546
SAM_0549SAM_0550
SAM_0551
*******************************************************************************
DON VINCENZO SCOTI COL VESCOVO CECE 1959
11834765_10205888148314311_7966429959202971120_o
11807679_10205888153754447_6452881194260857654_o
SAM_0362
Il Vescovo di Ischia, Mons. Pietro Lagnese, unito al collegio dei presbiteri, annuncia la nascita al cielo del Sacerdote della Chiesa di Ischia,
Mons. Vincenzo Scoti
Canonico del Capitolo Cattedrale,
già Vicario Generale.
L’intera Chiesa isclana, unita nella fede nel Signore Risorto che ha vinto il peccato e la morte, è chiamata ad elevare al Signore preghiere e suppliche per il compianto presbitero, perché il Padre di ogni misericordia gli conceda il premio riservato ai suoi servi buoni e fedeli e lo ammetta a celebrare le sue lodi nella liturgia del cielo.
Le esequie avranno luogo domani, 3 agosto alle ore 17:30, nella Chiesa Cattedrale.
Ischia, 2 agosto 2015.
SAM_0365
SAM_0364
SAM_0366
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Il Servizio Particolare
è stato realizzato da
GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Fatti Curiosi
ISCHIA PONTE: IL SINDACO DI ISCHIA FACENTE FUNZIONI CARMINE BARILE IN CANOA SI AVVICINA AI PALLANUOTISTI E ORDINA DI SOSPENDERE LA MUSICA TROPPO ALTA CHE ACCOMPAGNAVA LE PARTITE DEI RAGAZZI IN ACQUA———————————-(clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)

ischia-ponte

 Un episodio decisamente originale, di quelli che probabilmente non si vedevano nemmeno all’epoca di don Camillo e Peppone. Nel pomeriggio di oggi ad Ischia Ponte si svolgevano le fasi finali di un torneo di Pallanuoto con lo speaker che munito di microfono raccontava la cronaca della partita ai presenti grazie ad un impianto audio e con un pò di musica che accompagnava lo svolgimento dell’attività agonistica. All’improvviso sul posto è giunto il sindaco facente funzioni Carmine Barile che ha ordinato agli organizzatori di interrompere la musica pena la revoca delle autorizzazioni allo svolgimento della manifestazione. La cosa più curiosa è che il primo cittadino non è arrivato nel piazzale Aragonese in macchina o a piedi ma addirittura via mare, a bordo del suo Kayak, suscitando la curiosità della gente, ed anche un pizzico di ilarità. Inevitabile il commento di qualche burlone: l’amministrazione è davvero finita con le pacche… nell’acqua.  -  (Gaetano Ferrandino – ISOLAVERDE TV)