• SI SONO CONCLUSI I FESTEGGIAMENTI PER RICORDARE I 160 ANNI DELL'APERTURA DEL PORTO BORBONICO DI ISCHIA - UN PLAUSO AL COMITATO ORGANIZZATORE ED AL COMUNE D'ISCHIA PER IL GRANDE SUCCESSO DI SPETTACOLO E DI FOLLA CHE HA RISCOSSO LA STORICA MANIFESTAZIONE-----------------------/clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
  • GIORNATA CONCLUSIVA DELLE CELEBRAZIONI PER I 160 ANNI DELL'APERTURA DEL PORTO D'ISCHIA - MATTINATA PIENA CON LA CERIMONIA DELL'ALZA BANDIERA DEI MARINAI D'ITALIA, INCONTRO CON I RAGAZZI DELLA SCUOLA E MESSA CELEBRATA DAL VICARIO DIOCESANO DON AGOSTINO IOVENE NELLA CHIESA REALE DI PORTOSALVO CON CONCERTO DELLA "ISCHIA IN ITINERE" IN ATTESA DELLA FESTA DEL PORTO DEL POMERIGGIO E SERA-------------------------(clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
  • 160 ANNI DEL PORTO BORBONICO: OGGI SI CONCLUDONO I FESTEGGIAMENTI CON IL CORTEO REGALE, LA SPAGHETTATA POPOLARE OFFERTA DA RE FERDINANDO IN PIAZZA EX ANTICA REGGIA E GLI SPETTACOLARI FUOCHI PIROTECNICI NELLO SPECCHIO D'ACQUA DEL PORTO SVUOTATO DI OGNI NATANTE - IL GRANDE IMPEGNO DEL COMITATO--------------------------------(clicca sulle foto le vedrai in primo piano e più grandi) -----------------------
  • LA SEGUITA PROCESSIONE DELLA MADONNA ADDOLORATA DI ISCHIA - OGGI GIORNO DELLA RICORRENZA DON CARLO CONCLUDE I FESTEGGIAMENTI CON SANTE MESSE, PREGHIERE E MUSICHE DELLA BANDA DI BARANO D'ISCHIA--------------------------(clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
  • IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEI MADONNARI ANTICIPA AD ISCHIA LA BELLA ED ATTESA FESTA DELL'ADDOLORATA CHE SI SVOLGE DOMANI LUNEDI' 15 SETTEMBRE - MOSTRA ARTISTICA ABBINATA NELLA PIAZZETTA RITTMAN POCO DISTANTE DALLA CHIESETTA - MESSA SOLENNE DEL VESCOVO LAGNESE ASPETTANDO LA FESTA------------------------(clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)
La notizia del giorno
SI SONO CONCLUSI I FESTEGGIAMENTI PER RICORDARE I 160 ANNI DELL’APERTURA DEL PORTO BORBONICO DI ISCHIA – UN PLAUSO AL COMITATO ORGANIZZATORE ED AL COMUNE D’ISCHIA PER IL GRANDE SUCCESSO DI SPETTACOLO E DI FOLLA CHE HA RISCOSSO LA STORICA MANIFESTAZIONE———————–/clicca sulle foto, le vedrai in primo piano e più grandi)

*************************************************************

I FIGURANTI DI RE FERDINANDO E DELLA REGINA MARIA TERESA D’AUSTRIA

SONO STATI

GIANLUIGI GRIMALDI E ANNA CHIARA BARILE

*******************************************************

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare

di  GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

SAM_7995

SAM_7896

SAM_7879

SAM_7880

SAM_7881

SAM_7885

SAM_7882

SAM_7886

SAM_7887

SAM_7890

SAM_7891

SAM_7892

SAM_7893

SAM_7895

SAM_7897

SAM_7898

SAM_7908

SAM_7909

SAM_7913

SAM_7875

SAM_7912

SAM_7919

SAM_7918

SAM_7921

SAM_7923

SAM_7924

SAM_7925

SAM_7926

SAM_7927

SAM_7928

SAM_7933

SAM_7935

SAM_7936

SAM_7938

SAM_7939

SAM_7943

SAM_7945

SAM_7947

SAM_7948

SAM_7949

SAM_7951

SAM_7952

SAM_7953

SAM_7954

SAM_7955

SAM_7956

SAM_7957

SAM_7959

SAM_7960

SAM_7962

SAM_7965

SAM_7963

SAM_7966

SAM_7967

SAM_7969

SAM_7970

SAM_7971

SAM_7972

SAM_7973

SAM_7974

SAM_7975

SAM_7976

SAM_7978

SAM_7980

SAM_7979

SAM_7981

SAM_7982

SAM_7983

SAM_7985

SAM_7988

SAM_7991

SAM_8002

SAM_8003

SAM_8009

SAM_8010

SAM_8012

SAM_8015

SAM_8016

SAM_8017

SAM_8018

SAM_8019

SAM_8020

SAM_8022

SAM_8023

SAM_8024

SAM_8025

SAM_8026

SAM_8027

SAM_8029

SAM_8030

SAM_8031

SAM_8036

SAM_8032

SAM_8033

SAM_8035

SAM_8034

SAM_8038

SAM_8039

SAM_8040

SAM_8042

SAM_8045

SAM_8046

SAM_8047

SAM_8048

SAM_8049

SAM_8050

SAM_8051

SAM_8052

SAM_8053

SAM_8054

SAM_8055

SAM_8058

SAM_8060

SAM_8065

SAM_8067

SAM_8068

SAM_8069

SAM_8070

SAM_8071

SAM_8072

SAM_8073

SAM_8074

SAM_8078

SAM_8080

SAM_8081

SAM_8082

SAM_8083

SAM_8084

SAM_8086

SAM_8087

SAM_8088

SAM_8090

SAM_8092

SAM_8094

SAM_8096

SAM_8097

SAM_8098

SAM_8099

SAM_8100

SAM_8101

SAM_8102

SAM_8104

SAM_8109

SAM_8116

SAM_8117

SAM_8126

SAM_8129

SAM_8133

SAM_8134

SAM_8146

SAM_8137

SAM_8135

SAM_8136

SAM_8140

SAM_8138

SAM_8139

SAM_8142

SAM_8143

SAM_8144

SAM_8145

SAM_8147

SAM_8149

SAM_8150

SAM_8153

SAM_8154

SAM_8155

SAM_8156

SAM_8157

SAM_8160

SAM_8161

SAM_8163

SAM_8164

SAM_8185

SAM_8165SAM_8166

SAM_8167

SAM_8168

SAM_8169

SAM_8171

SAM_8173

SAM_8175

SAM_8176

SAM_8177

SAM_8178

SAM_8179

SAM_8182

SAM_8183

SAM_8186

SAM_8187

SAM_8188

SAM_8190

SAM_8191

SAM_8193

SAM_8194

SAM_8195

SAM_8197SAM_8198

SAM_8199

10616271_10204630546584626_8053455336668832768_n

1508592_10204630414261318_301781134562605594_n

10629714_10204630557224892_9023515047962837181_n

10629850_10204630413861308_818741999975809349_n

10703624_10204630557064888_2918544270897723621_n

PORTO FUOCHI 2 (1)

SAM_8237

SAM_8215

SAM_8213

Il Particolare Servizio

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Fatti Curiosi
IL QUOTIDIANO NAZIONALE “LA STAMPA” DI TORINO SPONSORIZZA L’ISOLA D’ISCHIA E LE SUE VIRTU’
TORINOCUNEOAOSTAASTINOVARAVCOVERCELLIBIELLAALESSANDRIASAVONAIMPERIA e SANREMO V

Ischia, l’isola che nasconde un cuore contadino

Oltre le terme, il fascino di una storia ricca e di una cucina che punta sui profumi di terra
ANSA

Un’immagine dello Scoglio, l’isolotto che racchiude come uno scrigno i tesori artistici di Ischia


Mare incantato, baie nascoste, piccoli borghi ricchi di fascino: Ischia è la meta ideale per un «fuori stagione» tra il romantico e modaiolo. Il suo cuore artistico batte sullo Scoglio, l’isolotto, a una manciata di minuti dal porto, che custodisce le testimonianze più importanti della storia ischitana, come i resti della chiesa di San Pietro, il monastero delle Clarisse, la chiesa dell’Immacolata con la sua inconfondibile cupola e il Castello Aragonese. Dove nei primi decenni del ’500 soggiornò e «regnò» la principessa (e poetessa) Vittoria Colonna attorniata da un cenacolo di artisti e letterati d’eccezione, da Michelangelo (che dedicò alla donna tenerissimi sonetti d’amore) ad Ariosto a Pietro Aretino. Lasciato alle spalle il centro abitato di Ischia, ecco Casamicciola, che, adagiata sulle pendici dell’Epomeo (il monte dell’isola), conserva nelle zone più interne valli, calanchi, terrazzamenti e coni di vulcani spenti e poi pinete, agrumeti, vigneti e boschi: basta percorrere la vecchia Strada Borbonica per scoprirli e così lungo i tornanti che portano alle giogaie del Cretaio viene allo scoperto in modo prepotente «l’anima di terra» di Ischia.

****************************

Riprendendo la litoranea, un «fungo» (in realtà, uno scoglio di tufo modellato dal vento e dalle onde) immerso nel mare è il logo di Lacco Ameno, diventata famosa per i suoi alberghi e i centri termali negli Anni 60 del secolo scorso. La sua storia è, però, lunga di secoli e la prova è da cercare nel Museo Archeologico della settecentesca Villa Arbusto dove si trovano i gioielli, i corredi funerari, i vasi dei coloni greci che sbarcarono sull’isola e che fondarono Pithecusa, la loro città. A Forio, invece, sono sorte le ville più belle dell’isola come La Colombaia (appartenuta a Luchino Visconti) e La Mortella con il giardino lussureggiante che il compositore inglese William Walton fece realizzare, intorno agli Anni 50, da Roussel Page, uno dei più grandi paesaggisti del secolo scorso.

Forio è il più grande centro dell’isola: le sue case si arrampicano fino sui fianchi dell’Epomeo e nel suo centro storico si incontrano, in quantità, memorabilia del glorioso passato come le torri medievali, spesso riutilizzate come sedi di alberghi di charme, come succede per esempio all’Hotel Mezzatorre (www.mezzatorre.it) nascosto in un parco immenso, su di un promontorio circondato dal mare. Uscendo da Forio, si scende fino a Sant’Angelo, paesino incantato, allungato sul mare con le piccole case dei pescatori dipinte a colori pastello: qui si gira solo a piedi, tra vicoli che sanno di vento e di mare, per raggiungere il porticciolo con le barche dei pescatori ormeggiate e lo scoglio di tufo grigio unito da una sottile striscia di sabbia alla terraferma.

E l’anima terragna di Ischia? Quella si scopre nella sua cucina contadina, dove il piatto simbolo non è a base di pesce, come sarebbe facile supporre, ma di carne: il must è il coniglio all’ischitana, altri ingredienti immancabili sulle tavole ischitane sono le verdure e le erbe selvatiche, che entrano nella composizione di minestre (come quella di cicoria e fagioli) o si sposano ad altre erbe o verdure come nella millenaria «scapece» a base di mentuccia, peperoncino, aglio.

03/04/2014 · Fatti curiosi, Turismo