A Ischia, Procida, Pozzuoli, Pompei, Castellammare, Sorrento sono in arrivo contributi per chi decide di avviare un’impresa operante in ambito turistico-culturale.

Il ministero dello Sviluppo economico mette, infatti, a disposizione 18 milioni di euro fino a esaurimento fondi, per la nascita di piccole e microimprese che puntano allo sviluppo del patrimonio culturale e turistico del paese. Le agevolazioni sono gestite da “Invitalia Cultura”, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa.
Le risorse appartengono al programma operativo interregionale “Attrattori naturali, culturali e turismo” Fesr 2007-2013 e sono destinate a idee da realizzare nei poli di attrazione di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Per la Campania le aree interessate sono l’isola di Ischia (Barano, Casamicciola Terme, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Serrara Fontana), l’isola di Capri e i comuni di Procida, Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Napoli, S.Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata, Pompei, Castellammare di Stabia, Vico Equense, Meta di Sorrento, Piano di Sorrento, Sorrento, Massa Lubrense.
Duplice la finalità delle agevolazioni: da una parte si vuole, infatti, riqualificare l’offerta turistico culturale e paesaggistica dei territori interessati, dall’altra creare uno strumento che agevoli l’ingresso nel mondo del lavoro.

Le agevolazioni sono però rivolte esclusivamente ad attività di tipo imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono, quindi, escluse le ditte individuali, le società di capitali, le cooperative, le società di fatto e le società con un unico socio.

Per agevolare l’accesso ai fondi e per far emergere le idee imprenditoriali “Invitalia”, tra aprile e giugno, promuoverà nelle aree interessate seminari di orientamento. (teleischia)

09/04/2014 · Turismo

TORINOCUNEOAOSTAASTINOVARAVCOVERCELLIBIELLAALESSANDRIASAVONAIMPERIA e SANREMO V

Ischia, l’isola che nasconde un cuore contadino

Oltre le terme, il fascino di una storia ricca e di una cucina che punta sui profumi di terra
ANSA

Un’immagine dello Scoglio, l’isolotto che racchiude come uno scrigno i tesori artistici di Ischia


Mare incantato, baie nascoste, piccoli borghi ricchi di fascino: Ischia è la meta ideale per un «fuori stagione» tra il romantico e modaiolo. Il suo cuore artistico batte sullo Scoglio, l’isolotto, a una manciata di minuti dal porto, che custodisce le testimonianze più importanti della storia ischitana, come i resti della chiesa di San Pietro, il monastero delle Clarisse, la chiesa dell’Immacolata con la sua inconfondibile cupola e il Castello Aragonese. Dove nei primi decenni del ’500 soggiornò e «regnò» la principessa (e poetessa) Vittoria Colonna attorniata da un cenacolo di artisti e letterati d’eccezione, da Michelangelo (che dedicò alla donna tenerissimi sonetti d’amore) ad Ariosto a Pietro Aretino. Lasciato alle spalle il centro abitato di Ischia, ecco Casamicciola, che, adagiata sulle pendici dell’Epomeo (il monte dell’isola), conserva nelle zone più interne valli, calanchi, terrazzamenti e coni di vulcani spenti e poi pinete, agrumeti, vigneti e boschi: basta percorrere la vecchia Strada Borbonica per scoprirli e così lungo i tornanti che portano alle giogaie del Cretaio viene allo scoperto in modo prepotente «l’anima di terra» di Ischia.

****************************

Riprendendo la litoranea, un «fungo» (in realtà, uno scoglio di tufo modellato dal vento e dalle onde) immerso nel mare è il logo di Lacco Ameno, diventata famosa per i suoi alberghi e i centri termali negli Anni 60 del secolo scorso. La sua storia è, però, lunga di secoli e la prova è da cercare nel Museo Archeologico della settecentesca Villa Arbusto dove si trovano i gioielli, i corredi funerari, i vasi dei coloni greci che sbarcarono sull’isola e che fondarono Pithecusa, la loro città. A Forio, invece, sono sorte le ville più belle dell’isola come La Colombaia (appartenuta a Luchino Visconti) e La Mortella con il giardino lussureggiante che il compositore inglese William Walton fece realizzare, intorno agli Anni 50, da Roussel Page, uno dei più grandi paesaggisti del secolo scorso.

Forio è il più grande centro dell’isola: le sue case si arrampicano fino sui fianchi dell’Epomeo e nel suo centro storico si incontrano, in quantità, memorabilia del glorioso passato come le torri medievali, spesso riutilizzate come sedi di alberghi di charme, come succede per esempio all’Hotel Mezzatorre (www.mezzatorre.it) nascosto in un parco immenso, su di un promontorio circondato dal mare. Uscendo da Forio, si scende fino a Sant’Angelo, paesino incantato, allungato sul mare con le piccole case dei pescatori dipinte a colori pastello: qui si gira solo a piedi, tra vicoli che sanno di vento e di mare, per raggiungere il porticciolo con le barche dei pescatori ormeggiate e lo scoglio di tufo grigio unito da una sottile striscia di sabbia alla terraferma.

E l’anima terragna di Ischia? Quella si scopre nella sua cucina contadina, dove il piatto simbolo non è a base di pesce, come sarebbe facile supporre, ma di carne: il must è il coniglio all’ischitana, altri ingredienti immancabili sulle tavole ischitane sono le verdure e le erbe selvatiche, che entrano nella composizione di minestre (come quella di cicoria e fagioli) o si sposano ad altre erbe o verdure come nella millenaria «scapece» a base di mentuccia, peperoncino, aglio.

03/04/2014 · Fatti curiosi, Turismo

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§ùù

IL  SINDACO DI ISCHIA ING. GIOSI FERRANDINO

HA FESTEGGIATO IL SUO COMPLEANNO  A MOSCA

IN COMPAGNIA DEI MEMBRI EELLA DELAGZIONE  ISCHTANA

ALA FIERA TURISTICA DELLA CAPITALE

DELLA  RUSSIA


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Speciale Reportage di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§








































Lo Speciale Reportage

sulla  Conferenza Stampa

al Comune d’Ischia

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§



**********************************************************

Sono intervenuti con proprie relazioni anche la dott. Carla Gina Ascione,

il dott. Maurizio Arturo Baiocchi, il dott. Vittorio Sozzi  e il prof.  Sergio Tanzarella

*********************************************************************************************************

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Speciale Reportage di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Lo Speciale Reportage

dalla Sala Grande delle Conferenze

nell’ Episcopio di Ischia

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


31/12/2013 · Turismo

31/12/2013 · Turismo, ultimissime

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

La Presidentessa della Fidapa di Ischia Anna Fermo e

l’Assessore al Turismo del Comune d’Ischia Giosuè Mazzella

Teleischia intervista

Michelangelo Messina

Enny Mazzella

dell’Ischia Film Festival

Anna Fermo e Rita Agostino-Di Meglio

Michelangelo Messina Patron dell’Ischia Film Festival

con Franco Di Manso dell’Ischia Film Festival

Enny Mazzella e Caterina Mazzella segretaria nazionale Fidapa

Michelangelo Messina con Ciro Cenatiempo


Il Particolare Servizio

dalla Biblioteca Antoniana di Ischia

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§




Nella sala consiliare del Comune di Ischia, dinanzi a giornalisti, addetti ai lavori e semplici curiosi, è stata firmata una convenzione sotto certi aspetti storica per la nostra isola, quella cioè tra il Comune di Ischia e l’Università Telematica Pegaso. L’accordo istituisce di fatto il corso di laurea in scienze turistiche. L’amministrazione comunale era rappresentata dal sindaco Giosi Ferrandino e dal presidente del consiglio comunale Gianluca Trani che hanno preso parte alla conferenza stampa cui hanno partecipato il preside dell’Università, Danilo Iervolino, ed Ambrogio Mattera che ha voluto fortemente che questo progetto andasse a compimento. In un’isola che negli ultimi tempi sta perdendo le conquiste ottenute nei decenni, finalmente una bella notizia… (Isolaverde TV)

*************************************************

- Quattro anni di intenso lavoro, ed oggi la sottoscrizione del protocollo d’intesa. Ischia avrà la sua sede universitaria grazie all’accordo siglato nella sala del Consiglio tra Comune di Ischia e università telematica Pegaso. «Ho creduto nell’idea fin da quando, quattro anni or sono, mi fu proposto di aprire una sede dell’università sull’isola. Chiesi espressamente la facoltà in Scienze turistiche: oggi quel progetto è diventato realtà» ha spiegato il primo cittadino di Ischia, Giosi Ferrandino, nel corso della conferenza alla quale hanno partecipato anche il presidente del Consiglio comunale Gianluca Trani, il presidente dell’università telematica Pegaso, dott. Danilo Iervolino, il direttore generale dott. Elio Patriota ed il responsabile ECP dott. Ambrogio Mattera. «E’ importante aprire la facoltà di Scienze turistiche in una realtà come la nostra – ha aggiunto il sindaco – perché rappresenta una opportunità sia per i ragazzi, che potranno scegliere di completare il percorso di studi senza gravare economicamente sulle famiglie, sia per l’imprenditoria locale che così avrà la possibilità di selezionare professionalità formate in loco».  Grazie al protocollo d’intesa, agli studenti residenti sull’isola sarà riconosciuta una agevolazione di 1.000 euro per ognuno dei tre anni accademici. L’agevolazione sarà valida anche per gli altri sette corsi di Laurea previsti dall’università Pegaso. (Isilaverde TV)