§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

IMG-20170315-WA0022

IMG-20170315-WA0008

**************************************************************************

**********************************************************************

SAM_3825

METADATA-START

METADATA-START

SAM_3826

SAM_3845

SAM_3841

SAM_3849

SAM_3830

METADATA-START

SAM_3832

 

METADATA-START

SAM_3829

SAM_3833SAM_3834

 SAM_3750

SAM_3848

SAM_3842

SAM_3820

SAM_3824

SAM_3823

SAM_3760

SAM_3755

SAM_3759

SAM_3765

SAM_3784

SAM_3788

SAM_3789

SAM_3806

SAM_3778

SAM_3766

SAM_3754

SAM_3758

SAM_3761

SAM_3762

SAM_3763

SAM_3764

SAM_3767

SAM_3768

SAM_3769

SAM_3771

SAM_3773

SAM_3774

SAM_3775

SAM_3776

SAM_3780

SAM_3777

SAM_3785

SAM_3787

SAM_3790

SAM_3791

SAM_3792

SAM_3793

SAM_3794

SAM_3795

SAM_3796

SAM_3797

SAM_3798

SAM_3799

SAM_3800

SAM_3803

SAM_3804

SAM_3807

SAM_3808

SAM_3809

SAM_3811

SAM_3812

SAM_3813

SAM_3814

SAM_3816

SAM_3818

SAM_3772

SAM_3745

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

sam_7657

sam_7648

sam_7647

**********************************************************************

*************************************************************

****************************************************

sam_7652

sam_7654

sam_7655

sam_7645

sam_7663sam_7667

sam_7669

sam_7671

sam_7672

sam_7674

sam_7677

sam_7678

sam_7686

sam_7687

sam_7688

sam_7689

sam_7690

sam_7691

sam_7692

sam_7697

sam_7700

sam_7701

sam_7702

sam_7705

sam_7708

sam_7709

sam_7710

sam_7711

sam_7712

sam_7713

sam_7714

sam_7715

sam_7716

sam_7717

sam_7718

sam_7720

sam_7722sam_7723

sam_7726

sam_7727

sam_7728

sam_7730

sam_7731

sam_7732

sam_7733

sam_7724

sam_7735

sam_7736

sam_7737

sam_7726

sam_7728

sam_7738

sam_7739

sam_7740

sam_7741

sam_7742

sam_7743

sam_7745

sam_7747

sam_7748

sam_7750

sam_7751

sam_7752

sam_7753

sam_7754

sam_7755

sam_7756

sam_7760

sam_7761

sam_7764

sam_7768

sam_7771

sam_7769

sam_7772

sam_7773

sam_7775

sam_7776

sam_7779

sam_7780

sam_7781

sam_7782

sam_7783

sam_7784

sam_7785

sam_7786

sam_7787

sam_7788

sam_7789sam_7790

sam_7791

sam_7792

sam_7793

sam_7795

sam_7796

sam_7798

sam_7799

sam_7800

sam_7801

sam_7803

sam_7804

sam_7805

sam_7806

sam_7808

sam_7809

sam_7810

sam_7811

sam_7812

sam_7813

sam_7814

sam_7815

sam_7816

sam_7817

sam_7830

sam_7832

sam_7833

sam_7835

sam_7838

sam_7829

*************************************************************************

******************************************************

IL DIALOGO FRA VITTORIA COLONNA

E IL SUO AMICO MICHELANGELO

TESTI:  DI GIOVANNINPO DI MEGLIO

sam_7839

sam_7840

sam_7841

sam_7842

sam_7847

sam_7848

sam_7849

sam_7850

sam_7851

sam_7852

sam_7818

sam_7819

sam_7820

sam_7853

sam_7855

sam_7822

 sam_7861

sam_7823

sam_7862

sam_7863

sam_7824

sam_7864

sam_7866

sam_7867

sam_7870

sam_7871

sam_7872

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

I§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Paticolare  di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

sam_3970

sam_3934

sam_3961

sam_3962

********************************************************************

******************************************************

sam_3914

sam_3916

sam_3915

sam_3917

sam_3918

sam_3919

sam_3920

sam_3967sam_3923

sam_3926

sam_3925

sam_3924

sam_3928

sam_3929

sam_3930

sam_3931

sam_3933

sam_3935

sam_3936

sam_3941

sam_3939

sam_3942

sam_3945

sam_3947

sam_3948

sam_3948

sam_3949

sam_3950

sam_3952

sam_3953

sam_3955

sam_3956

sam_3957

sam_3959

sam_3962

sam_3963

sam_3964

sam_3965

sam_3966

sam_3967

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE  LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

sam_8235

sam_8151

************************************************************

*********************************************

sam_8143

sam_8145

sam_8159

sam_8161

sam_8163

sam_8167

sam_8170

sam_8172

sam_8173

sam_8176

sam_8183

sam_8185

sam_8190

sam_8195

sam_8199

sam_8211

sam_8212

sam_8219

sam_8220

sam_8222

sam_8223

sam_8224

sam_8225

sam_8226sam_8235

sam_8242

sam_8247

Il Servizio particolare

dalla Sala Azzurra parrocchiale della Chiesa  di Portosalvo

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


SAM_0053*********************************************************

di MICHELE LUBRANO

******************************************

L’impostazione ulteriormente rinnovata che Maria Grazia Nicotra, alla sua seconda esperienza nel ruolo di direttore artistico, sta dando alla Festa di S. Anna edizione 2016, comprende, come è naturale, anche il lato storico- religioso con tutti i suoi risvolti che portano a ciò che accadde alle origini, dentro e intorno alla chiesetta protagonista. Quando morì Innico D’Avalos (1504) capitano della guardia sul Castello e Governatore dell’isola, il figlio Alfonso, nativo del Castello, aveva appena due anni. Sua madre donna Laura Sanseverino che frequentava con la famiglia la Torre solo nel periodo estivo, Casa-fortezza che i posteri chiameranno Torre di Michelangelo, decise di trasferirsi col figlioletto nelle solide stanze di quella sicura abitazione che il suo defunto marito aveva contribuito a far erigere e dove nel luglio del 1503 nacque la secondogenita Costanza, denominata per i suoi natali in quella struttura, la “figlia della Torre” e soprattutto perché, fu il primo essere umano a venire alla luce nella casa-fortezza dopo la sua edificazione. La gravidanza per Donna Laura fu molto travagliata. Quei mesi che precedettero il parto della bambina furono di grande e continua sofferenza. Assistita dal medico di Corte sul Castello e da una sua amica del Borgo di Celsa, la levatrice Caterina Mellusi esperta a far nascere bambini nelle situazioni più difficili, Laura Sanseverino riuscì a partorire superando il pericolo paventato di perdere addirittura la propria vita e quella della figlia. Era la mattina del 26 luglio del 1503, giorno in cui gli abitanti della zona ormai festeggiavano S. Anna a cui la chiesetta poco distante dalla Torre era stata dedicata e dove la stessa Donna Laura andava a pregare per ricevere dalla Santa la grazia di partorire la sua creatura che portava in grembo e di salvare la vita sua e della nascitura. Le preghiere di Donna Laura furono esaudite e così nacque la piccola Costanza proprio nel giorno di S.Anna. E fu festa per tutti. Le fu dato lo stesso nome che portava sua zia Costanza, sorella del padre Innico e donna di alto spessore culturale, stimatissima sul Castello ed a Napoli presso la corte del Re. La lieta notizia della nascita della piccola Costanza, si diffuse per tutta la marina del Borgo di Celsa, fra gli abitanti del Castello, presso i casolari di Campagnano, Piano Liguori, Cartaromana e nell’isola intera, dove Donna Laura era conosciuta e molto ben voluta. Suonarono a distesa le campane della Chiesa Cattedrale e delle altre chiese sul Castello e della stessa chiesetta di S.Anna nel Ninfario, per salutare un bellissimo evento che Innico D’Avalos, padre della piccola nata, magnificò con una gran festa popolare, come era nei desideri di sua moglie Laura, molto religiosa e notoriamente vicina al popolo. Laura Sanseverino era donna dalla forte personalità, avvenente nel corpo statuario e bella nel volto. Portava capelli castano-scuri che le scendevano sulle spalle fluenti e vaporosi. Era difficile non notarla, con il pregio che era lei a porgersi alla gente. Da quel fausto giorno del 26 luglio 1503 dove divenne nuovamente madre, i ringraziamenti e le preghiere delle partorienti ischitane divennero consuetudine e si trasformarono in un rituale di devozione religiosa che si ripeteva ogni anno nel giorno dedicato alla Santa, considerata la protettrice ufficiale delle donne in stato di dolce attesa e ansiose di diventare mamme. Il rituale si è perpetuato nel tempo fino ai giorni d’oggi mutando con gli anni il modo di celebrare il sentito evento.. Fino al secolo XVIIIesimo le donne di Ischia si recavano in pellegrinaggio alla Chiesetta per mare e per terra, scendendo a piedi per la strada della Torre e in barche addobbate con canne, foglie di bosco e palloncini colorati, partendo dalla marina del Borgo. Era quella l’usanza votiva per rivolgersi alla Santa e fare festa tutti insieme in suo onore. Oggi quell’antico rito ha assunto connotati completamente diversi. Dal pellegrinaggio e la preghiera alla Santa, si è passati alla festa spettacolare con migliaia di persone fra donne, uomini e bambini locali e forestieri assiepati sugli scogli, lungo il ponte, sulle imbarcazioni a mare e su un’apposita tribuna, per assistere alla grande sfilata delle barche addobbate di tutt’altro fascino e dimensioni, ai fuochi pirotecnici e all’incendio del Castello e della Torre,in uno spettacolo simulato dalle grandi emozioni. Tutto questo preceduto da un rito religioso opportunamente riproposto il giorno prima con messa solenne all’aperto nello spiazzo davanti alla Chiesetta, celebrata dal Vescovo di Ischia e da altri sacerdoti coadiutori. Il primo vescovo di Ischia giunto in pellegrinaggio alla chiesetta di S. Anna per celebrare la Messa a devozione e ringraziamento alla Santa è stato Mons. Antonio Pagano (1984-1997) seguito da una folta massa di fedeli, il secondo, continuando la tradizione, è stato Mons, Filippo Strofaldi Vescovo ad Ischia dal 1997.al 2012. L’ultimo Vescovo in ordine di tempo è l’attuale presule Mons. Pietro Lagnese che nel tardo pomeriggio di oggi 25 luglio celebrerà ancora una volta nella Chiesetta di Sant’Anna rimessa per l’occasione a nuovo la messa solenne che tutti i fedeli aspettano.


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Testo e fotografie di

NICOLA TRANI

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Ischia Isolaverde: la storia infinita.
isolani nel baratro.

ISCHIA-CATANZARO 0-1

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (236)

MARCATORE Kolawole al 15’ p.t.
ISCHIA (4-3-3) Iuliano 6; Bruno 5,5, Van Dam 5, Moracci 5,5, Porcino 5; Acampora 5 (dal 39’ s.t. Barbosa s.v.), Spezzani 5 (dal 1’ s.t. Rubino 5,5), Armeno 5; Di Vicino 5,5, Gomes 5,5, Pepe 5 (dal 24’ s.t. Sirigu). (Modesti, Florio, Savi, Guarino, Filosa, Manna, Palma, Belmonte, D’Angelo). All. Porta 5,5.
CATANZARO (4-3-3) Grandi 6; Bernardi 6, Ricci 6, Patti 6, Squillace 6,5; Agnello 6,5, Maita 6,5 (dal 1’ s.t. Calvarese 6), Olivera 6; Mancuso 5, Kolawole 7 (dal 36’ s.t. Orchi s.v.), Caruso 5,5 (dal 19’ s.t. Razziti 5,5). (Scuffia, Barillari, Fulco, Foresta, Firenze, Vitale). All. Erra 6.
ARBITRO Viotti di Tivoli 5.
NOTE paganti 555, abbonati 196, incasso di 3.356,15 euro. Ammoniti Ricci, Gomes, Spezzani, Acampora, Armeno, Calvarese, Moracci e Grandi. Espulso Patti al 34’ s.t. per gioco violento. Angoli 6-6.

La storia infinita dell’Ischia Calcio, quella storia fatta di esoneri, reintegri ed ancora di esoneri e di reintegri che, sicuramente non fano bene alla squadra che incassa la 7^ sconfitta consecutiva.Una storia vissuta quest’anno senza la vicinanza dei tifosi che nonostante diversi incontri chiarificatori con la società e la volontà di essere vicini alla squadra, dimostrandolo con fatti concreti, si sono visti emarginati dalle scelte societarie, scelte che hanno preferito tenere la squadra in terraferma piuttosto che farla vivere il territorio che rappresentava. Il presidente Rapullino ha il merito di aver messo e forse, rimesso, i soldoni, ma, non è possibile tenere la squadra lontana dalla terra che rappresenta. Non sappiamo ancora come finirà questo campionato, o meglio, la fase finale di questo torneo che ci vede impegnati nei play-out per cercare di mantenere la categoria ma francamente, la situazione sembra senza via d’uscita. Della partita odierna, c’è poco da dire come purtroppo capita da più gare, una squadra senza identità che stavolta è sembrata pure più volenterosa nel secondo tempo alla ricerca del pareggio ma niente più. Lo stadio deserto a fare da cornice a questo campionato disastroso. Nell’aria solo l’urlo dei 150 tifosi del Catanzaro ad incitare i giallorossi. i precedenti ci sono favorevoli statisticamente. Ai play out ci è sempre andata bene, gli ultimi due, Bacoli ed Aversa li abbiamo vinti. Speriamo di non sfatare anche questo dato favorevole.
                                                                                              

                                                                                                                                                                                  Nicola TRANI

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (20)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (1)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (28)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (52)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (92)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (94)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (118)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (126)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (153)

Ischia Vs Catanzaro foto N TRANI 20160430 (192)

Il Servizio di foto e testo

è stato realizzato da

NICOLA TRANI

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio di

NICOLA TRANI

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

ISCHIA – JUVE STABIA  0 – 1

ISCHIA (4-3-3): Iuliano, Bruno, Porcino, Van Dam, Moracci, Florio (68′ Spezzani), Acampora, Armeno, Di Vicino (46′ Manna), Rubino (46′ Gomes), Kanoute.

A disposizione di Mister Porta: Modesti, Guarino, Savi, Sirigu, Palma, Belmonte, D’Angelo, D’Errico.

JUVE STABIA (4-4-2): Russo, Romeo, Liotti, Obodo, Polak, Navratil, Cancellotti, Favasuli, Gomez (66′ Nicastro), Lisi (87′ Grifoni), Diop.

A disposizione di Mister Zavettieri: Polito, Atanasov, Rosania, Carillo, Mauro, Carrotta,Gatto, Del Sante, Mascolo.

Arbitro: Mancini di Fermo

Rete: 51′ Diop

Ammoniti: Kanoute

DSC_0053

Ischia Isolaverde: il de profundis

ennesima sconfitta casalinga per gli uomini di Porta.

Al “Mazzella” l’ennesima sconfitta, la quinta consecutiva, sancisce la
fine quasi sicura delle speranze di salvezza degli isolani nel
campionato 2015/16 di Lega Pro. Una prestazione incolore della
formazione di casa che lascia presagire un finale di campionato di
ulteriore sofferenza per la società e soprattutto per i tifosi, specie
per quei pochi che ancora con fede incrollabile cercano di sostenere,
almeno con la presenza, la squadra. Pochi a dire il vero, un manipolo di
persone, presenti sugli spalti sempre più desolati del comunale di Fondo
Bosso. Della gara c è ben poco da dire. Una gara scialba giocata da due
squadre in crisi di identità e di risultati che hanno mostrato
un’evidente mancanza di gioco e di idee. Il risultato, è solo quello,
premia gli stabiesi e gli consente di fare un passo decisivo verso la
salvezza. Il gol decisivo di Diop condanna i padroni di casa.l’Ischia
non ha mostrato la capacità di fare la partita e si è presentata sotto
porta solo in due occasioni, con Rubino, al 2’de primo tempo quando
l’attaccante gialloblù lanciato a rete, solo davanti al portiere
avversario, si fa incredibilmente rimontare dal difensore e con Florio
che nel secondo tempo costringe ad un precipitoso intervento l’estremo
difensore stabiese, Russo.Tutta qui la partita dell’Ischia. la
capitolazione, al 6′ del secondo tempo. Diop, che aveva colpito, nella
prima frazione di gara la Traversa, riesce ad insaccare alle spalle di
Juliano. Il tourbillon di sostituzioni attuato da Mister Porta, non
riesce a produrre alcun effetto capace di sovvertire l’inerzia della
gara e si finisce quindi col soccombere ad una Juve Stabia modestissima
avvicinandosi sempre più al fondo. Scontata a fine gara la contestazione
dei tifosi verso squadra e dirigenza, tanto veemente da suggerire al
presidente rapullino di avvicinarsi ai tifosi, ai piedi della tribuna
per ascoltarli e dare spiegazioni su questa crisi sempre più profonda ed
irreversibile.
Forse, sarebbe il caso di mostrarsi ancora una volta comprensivi verso
squadra e società per cercare di salvare il salvabile. Nella domenica
successiva all’ “incontro- farsa” tifosi dirigenza, lUltima vittoria dei
gialloblù sostenuti da un discreto numero di tifosi. Le battaglie si
vincono uniti, e se non si vuole sostenere la società si può sostenere i
propri colori, la maglia per la quale gli encomiabili tifosi ischitani
hanno sostenuto tante battaglie. Non credo, anche in chiave Play-out gli
spalti desolati del “Mazzella” aiutino la squadra ad uscire da questa
spirale in cui si sta sempre di più avvitando.
Nicola Trani

DSC_0116

DSC_0140

DSC_0145

DSC_0151

DSC_0184

DSC_0185

DSC_0232

DSC_0238

Il Servizio

è stato rfealizzato da

NICOLA TRANI

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_9350

SAM_9348

SAM_9347

SAM_9353

SAM_9357

SAM_9358

SAM_9361

SAM_9363

SAM_9362

SAM_9367

SAM_9368

SAM_9370

SAM_9374

SAM_9375

SAM_9376

SAM_9380

SAM_9382

SAM_9383

SAM_9385

SAM_9390

SAM_9388

SAM_9389

SAM_9387

SAM_9393

SAM_9391

SAM_9392

SAM_9395

SAM_9384

SAM_9396

SAM_9399

SAM_9407

SAM_9404

SAM_9409

SAM_9410

SAM_9411

SAM_9413

SAM_9414

SAM_9417

SAM_9418

SAM_9419

SAM_9420

SAM_9394

SAM_9422

SAM_9423

Il Servizio Particolare

dalla Cattedrale Giubilare di ischia Ponte

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_8957

************************************************

ammiss ordine sacro di marcotrani e antonio mazzella

SAM_8935

SAM_8941

SAM_8945

SAM_8943

SAM_8954

SAM_8955

SAM_8956

SAM_8959

SAM_8948

SAM_8947

SAM_8952

SAM_8958

SAM_8946

SAM_8983

SAM_8962

SAM_8967

SAM_8970

SAM_8971

SAM_8972

SAM_8973

SAM_8976

SAM_8977

SAM_8978

SAM_8980

SAM_8979

SAM_8981

SAM_8982

SAM_8984

SAM_8986

SAM_8987

SAM_8988

SAM_8989

SAM_8990

SAM_8992

SAM_8993

SAM_8995

SAM_8996

SAM_8997

SAM_8998

SAM_9000

SAM_9004

SAM_9005

SAM_9006

SAM_9010

SAM_9015

SAM_9014

SAM_9016

SAM_9018

SAM_9019

SAM_9020

SAM_9022

SAM_9024

SAM_9025

SAM_9026

SAM_9027

SAM_9028

SAM_9029

SAM_9030

SAM_9031

SAM_9032

SAM_9034

SAM_9036

SAM_9037

SAM_9039

SAM_9041

SAM_9040

SAM_9042

SAM_9044

SAM_9047

SAM_9049

SAM_9050

SAM_9052

SAM_9053

SAM_9056

SAM_9057

SAM_9062

SAM_9068

SAM_9067

SAM_9073

SAM_9074

SAM_9075

SAM_9076

SAM_9077

SAM_9079

SAM_9080

SAM_9083

SAM_9085

SAM_9086

SAM_9088

SAM_9089

SAM_9091

SAM_9095

SAM_9097

SAM_9100

SAM_9101

SAM_9102

SAM_9103

SAM_9105

SAM_9106

SAM_9107

SAM_9108

SAM_9109

SAM_9110

SAM_9111

SAM_9113

SAM_9114

SAM_9115

SAM_9117

SAM_9122

SAM_9123

SAM_9125

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_8925

************************************************

SAM_8896

SAM_8898

SAM_8899

SAM_8901

SAM_8900SAM_8902

SAM_8906

SAM_8905

SAM_8907

SAM_8909

SAM_8908

SAM_8914SAM_8916

SAM_8910

SAM_8917

SAM_8919

SAM_8922

SAM_8929

SAM_8928

SAM_8932

SAM_8933

SAM_8924

Il Particolare Servizio

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§