IL BACIO DI DE SIANO ALLA BELLA DANIELA

L’ onorevole Domenico De Siano ha compiuto 55 anni. Chi non conosce Domenico. Artefice della rinascita di Lacco Ameno. Ora si gode l’esperienza romana. Ha colmato  il vuoto che affligge il muscolo più importante del corpo. Ha trovato finalmente l’amore. Daniela, alta, bionda, sinuosa. Una bella coppia non c’è che dire. La foto ripresa da facebook, è l’emblema di un amore che va a gonfie vele. Auguri Domenico. Ora sulla tua pagina facebook puoi cambiare: da sposato a innamorato! – (ULTIMORA ONLINE)

17/09/2013 · Fatti curiosi

mo

L’amministrazione di Ischia ha ufficialmente affidato alla Uildm di Ischia una sedia modello JOB che garantisce a diversamente abili ed anziani la possibilità di accedere in acqua.
Jamme o bagn, l’acronimo di JOB, sarà a disposizione di quanti, bisognosi, ne vorranno far uso gratuitamente.  Presso il Bagno San Pietro, sulla omonima spiaggia, la famiglia Di Meglio è custode dell’attrezzatura.

Un’iniziativa gemella a quella che si è già realizzata sulla Spiaggia della Mandra che, in questo modo, permette una estate migliore a tanti utenti e tante famiglie.

“Quando veniamo sollecitati su questi temi – ci ha detto il Sindaco Giosi Ferrandino in delegazione con il consigliere Enzo Ferrandino e Luca Spignese – ci dobbiamo muovere velocemente anche se la burocrazia rende tutto più difficile. Questa sedia è un piccolo inizio. Speriamo l’anno prossimo di poter riuscire ad ampliare la disponibilità comunale” (IL DISPARI)

17/08/2013 · Fatti curiosi

08/08/2013 · Fatti curiosi

I GIOCATORI DEL NAPOLI

HAMSIK, BEHRAMI, DOSSENA, DONADEL, GAMBERINI, PANDEV E GARGANO

ALL’EDEN DI CARTAROMANA

PER UNA GIORNATA PIENA TUTTA ISCHITANA


27/07/2013 · Fatti curiosi, ultimissime

ISCHIA, GEMELLAGGIO CON LENI:

LUNEDI’ SCORSO GIOSUE’ MAZZELLA A SALINA

giosuemazzella1-330x185

ILunedì, 22 luglio scorso, una delegazione dell’amministrazione comunale di Ischia, guidata dall’assessore, Giosuè Mazzella, è partito alla volta dell’isola di Salina. L’appuntamento ha rappresentato di fatto una visita istituzionale in attesa del gemellaggio ufficiale con Leni che si svolgerà nel palazzo municipale di Ischia il prossimo 7 settembre. L’iniziativa segue la delibera votata di recente dal consiglio comunale che ha deciso anche il gemellaggio con l’isola di Ponza. “Sarà un’occasione importante per riallacciare in forma ufficiale i rapporti tra due realtà territoriali ma soprattutto – spiega l’assessore Mazzella – cancellare l’onta di un trattamento decisamente irriguardoso riservato tanto tempo fa dai nostri concittadini verso dei cittadini di Salina che con il loro impegno salvarono la viticoltura ischitana, che all’epoca costituiva la pressoché unica fonte di economia e sostentamento. E’ un gesto doveroso, soprattutto per tener viva la memoria”. Il riferimento è presto spiegato ed affonda le radici ad oltre un secolo e mezza fa, nel 1850 circa, quando i vigneti di Ischia erano a rischio estinzione a causa della crittogama, una terribile malattia. Nel 1854, dall’isola di Salina, giunsero i fratelli Sanfilippo, solfatori d’uva, i quali attraverso l’uso dello zolfo riuscirono a sconfiggere la malattia che aveva colpito le viti ma, contrariamente a quanto era stato loro promesso, vale a dire la condivisione del raccolto, non ottennero nulla in cambio. Uno dei fratelli Sanfilippo, Giuseppe, morì ad Ischia all’età di 45 anni, mentre gli altri due rientrarono in Sicilia indebitati fino al collo. Alcuni abitanti di Ischia li vollero ringraziare realizzando una edicola votiva dedicata alla Madonna del Terzito, tutt’ora esistente (meglio conosciuta come la Madonnella, all’altezza tra via Quercia e via Nuova dei Conti). Il programma ha previsto, in quel di Leni, la partecipazione degli amministratori ischitani ad una processione e poi un incontro in municipio. Giosuè Mazzella ha infine annunciato che “in occasione dell’appuntamento in programma a settembre è in fase di ultimazione anche un calendario di iniziative ed eventi per dare a questo gemellaggio l’importanza ed il valore che merita”. (IsdolaverdeTV)

************************************


L’isola di Salina

Comune diLeni

Leni è uno dei tre comuni che costituiscono l’isola di Salina. Il porto di Rinella, abituale scalo per navi e traghetti, ha sede nel comune di Leni.Qui è possibile visitare il Santuario della Madonna del Terzito, edificato nel 1630, che rappresenta una delle principali mete di pellegrinaggio nelle Isole Eolie. E’ infatti il più importante luogo di culto Mariano dell’Arcipelago Eoliano.

*************************************

ISOLA DI PONZA


Ponza ha una superficie di 7,5 km² ed è quasi completamente collinare: sovrastata al centro dai monti Core (201 m), Tre Venti (177 m) e Pagliaro (177 m), raggiunge la massima altitudine con i 280 m del monte Guardia, posto all’estremità meridionale dell’isola.

Il Semaforo, sul monte Guardia, è il punto più alto dell’isola.

Le sue spiagge sono frastagliate e per lo più rocciose, composte da caolino e tufi, a dimostrazione (insieme con i numerosi crateri vulcanici spenti ma tutt’oggi riconoscibili) dell’origine vulcanica dell’isola. La presenza di grotte sottomarine e di scogliere richiamano ogni anno migliaia di appassionati subacquei, oltre ovviamente a bagnanti, che prediligono la celebre spiaggia di Chiaia di Luna (a sud-ovest), circondata da un’alta scogliera a picco sul mare.

Famosi sono anche la Scogliera e i Faraglioni di Lucia Rosa, che prendono il nome dalla protagonista di una tragedia realmente accaduta nel XIX secolo. Lucia Rosa era una giovane donna di diciannove anni, innamorata di un misero contadino ma impedita a sposarlo per l’opposizione della famiglia: la ragazza, in preda alla disperazione, si suicidò gettandosi dall’alta scogliera, che venne ribattezzata in suo nome dagli abitanti del posto.

La forma dell’isola è stretta e allungata, e si estende dal Faraglione La Guardia, a sud, alla Punta dell’Incenso, a nord-est, che dà sulla vicina Isola di Gavi; quest’ultima è separata da Ponza da un braccio di mare di appena 120 metri.

La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d’India e ginestre.

Il clima ha caratteristiche subtropicali mediterranee con moderata escursione


Vicky incanta Deacon e volano “schiaffi di gelosia”

deacon1

Notta calda al Valentno per Sean Kanan, il Deacon di Beautiful che, credendo di stare sempre nella soap opera più “porca” che sia stata pensata, ha pensato bene di dedicate le sue attenzioni alla “nostra” Viky Parker, la bella e bionda ischitana, ospite fissa del Valentino, cosa che non è piaciuta alla sua fidanzata.

Ecco il racconto di Marcello Bondavalli

Al Valentino stanotte Sean Kanan, attore di Beautiful, corteggia la nota Viky Parker e viene innaffiato di champagne dalla fidanzata e solo l’intervento dell securIty gli risparmiano una buona dose di “paccheri”

Cose che capitano ad Ischia, dove forse, si inizia a vivere un’altra volta il fascino del vecchio adagio: “Ad Ischia si….”

Per Sean, un ritorno al Miramare e Castello non proprio felice con la fidanza “incazzata”, ma siamo convinti che la buona colazione preparata dagli chef di Anna e Ciro Calise avranno certamente fatto fare la pace ai due fidanzatini.

“L’unica felicità è godersi la vita” è la citazione che accompagna le notti del Valentino, Sean voleva godersela un po’ tropo… (Il Dispari)

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

1 luglio 2013

ischia-ponte-4

ISCHIA – Una vicenda che poteva finire in maniera decisamente peggiore e che invece non ha prodotto danni a persone.Protagonista, o meglio vittima della storia che vi raccontiamo, un bambino di quattro anni. Il piccolo si trovava questa mattina in compagnia della madre – che gli teneva la mano – e del fratellino più grande nei pressi del giardinetto attraverso il quale le auto in uscita dal borgo antico di Ischia Ponte si immettono in direzione Cartaromana. Intorno alle 10.50 una vettura nel prendere la curva ha inavvertitamente urtato il piccolo, che fortunatamente non ha riportato conseguenze, rimanendo illeso da un impatto non apparso violentissimo ma che comunque aveva suscitato preoccupazione tra i testimoni. Il conducente dell’auto si è giustificato sostenendo di avere avuto un problema nella frenata. Il fatto si è verificato alle 10.50, con il borgo chiuso al traffico veicolare, ma siccome la macchina era in uscita non stava commettendo alcuna infrazione. Ma la vicenda, inutile sottolinearlo, ripropone la necessità di tenere una velocità quasi da passo d’uomo in zone che diventano aree pedonali in alcune ore della giornata. (Isolaverde TV)

01/07/2013 · Fatti curiosi