§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1170508

P1170453

P1170524

P1170516

************************************************************************

******************************************************

**************************************************

P1170409

P1170411

P1170420

P1170422

P1170424

P1170421

P1170426

P1170427

P1170429

P1170430

P1170431

P1170432

P1170435

P1170437

P1170439

P1170440

P1170446

P1170454

P1170456

P1170457

P1170442

P1170458

P1170461

P1170462

P1170464

P1170469

P1170475

P1170476

P1170479

P1170480

P1170481

P1170482

P1170483

P1170484

P1170486

P1170488

P1170490

P1170491

P1170499

P1170496

P1170497

P1170504

P1170500

P1170515P1170510

P1170517

P1170518

P1170526

P1170527

P1170532

P1170536

P1170537

P1170538

P1170543

P1170549

P1170550

P1170558

P1170559

P1170564

P1170565

prevh

P1170408

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

P1170294

P1170288

P1170276

****************************************************************************

*********************************************************

**********************************************

P1170315

P1170250

P1170259

P1170264

P1170255

P1170258

P1170261

P1170278

P1170279

P1170281

P1170285

P1170286

P1170287

P1170288

P1170289

P1170291

P1170287

P1170299

P1170303

P1170305

P1170290

P1170308

P1170311

P1170312

P1170313

P1170316

P1170319

P1170324

P1170326

P1170329

P1170334

P1170341

P1170342

P1170357

P1170361

P1170362

P1170363

P1170364

P1170365

P1170367

P1170369

P1170370

P1170371

P1170372

P1170374

P1170379

P1170380

P1170383

P1170384

P1170389

P1170391

P1170394

P1170395P1170398

P1170401

P1170404

P1170249

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


LA NAVE GIGANTE MERAVIGLIA DELLA MSC CROCIERE

 L’ affascinante storia degli uomini di mare della nostra isola

CON UN GRUPPO DI OLTRE CENTO  ISCHITANI IN CROCIERA A BORDO DELLA “MERAVIGLIA”, LA NAVE PIU’ GRANDE NEL MEDITERRANEO COMANDATA DAL CAPITANO DI FORIO MATTIA MANZI

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio  di MICHELE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

L’isola d’Ischia ha una grande storia di uomini di mare, a partire dai barconi a vela che trasportavano sulle  coste francesi agrumi e vino sfidando la furia dei venti e del mare in tempesta. Fino agli ultimi anni ’50, ove la piccola flotta di navette di legno ( Il San Michele, La Libera, il Procida, il Delfino, Il Trento, la Rondine, l’Ondina e tante altre ancora)  partivano da Ischia per l’Immacolatella Vecchia nel porto di Napoli e caricavano tutto il far bisogno per la popolazione ischitana.  Al timone di queste imbarcazioni vi erano capitani ischitani valorosi di “piccolo cabottaggio”. Alla scuola nautica di Procida (istituto Francesco. Caracciolo) si sono formati molti capitani di lungo corso e macchinisti che hanno affrontato e navigato per il mar Mediterraneo e gli oceani su navi passeggeri, da carico e petroliere  di tutto il mondo, portando alto il nome dell’isola verde con la loro professionalità, competenza e coraggio. Ma fino ad oggi mai nessun ufficiale marittimo ischitano aveva avuto l’onore di comandare la nave più grande in navigazione nel mar Mediterraneo dotata tra l’atro di una  tecnologica valutata come la più avanzata del pianeta. Parliamo del  comandante nativo di Forio d’Ischia  Mattia Manzi, il quale  ha iniziato la sua carriera con MSC nel 1972, e nel 1975 è stato promosso Primo Ufficiale, ruolo ricoperto fino al 1985. L’anno seguente ha deciso di salire a bordo delle navi passeggeri, trasferendosi negli Stati Uniti alla Carnival Cruise Lines, dove è diventato Capitano e comandando navi passeggeri dal 1999 al 2003. Nel 2004 è tornato a MSC, assumendo il comando di MSC Sinfonia:. Il capitano Manzi è alla sua quindicesima stagione a bordo delle navi passeggeri MSC, delle quali stagioni, tre a bordo delle navi di classe Fantasia. Ha comandato le navi di tutte le classi della flotta MSC Crociere, ad eccezione di MSC Melody. Oggi è al comando della  nave MERAVIGLIA gigante del Mediterraneo, varata lo scorso anno con una stazza di 167,600, una lunghezza di m.. 315, uguale a tre campi di calcio messi assieme,una capacità di imbarco di  5714 passeggeri e 1536 uomini di equipaggio (quasi come la popolazione del Comune di Lacco Ameno e Casamicciola),  e viaggia ad una velocità di 22 nodi..Il comandante Mattia Manzi, data la sua bravura ed esperienza, naviga nei mesi invernali ed autunnali, quando il tempo è poco clemente, ritorna nella sua isola per riposo e vacanze  durante la stagione  estiva. Abita a Forio d’Ischia sulle colline di Via Bocca,  sposato con Restituta De Luise  ha quattro figli; Doriano, Fabrizio, Valentina e Roberto. Su questa città galleggiante veramente “super meravigliosa” come  dice  il suo nome per l’appunto “MERAVIGLIOSA”, ci siamo imbattuti in  un centinaio di ischitani crocieristi che senza saperlo “accompagnavano il nostro capitano” lungo il Mediterraneo, toccando  la città di Messina, la Valletta, Barcellona, Marsiglia, Genova per terminare la loro crociera-viaggio a Civitavecchia. Nel nutrito gruppo di nostri compaesani in vacanza,  abbiamo notato ischitani di Barano e Serrara, i proprietari al femminile del complesso di ristorazione “Francischiello” di Lacco Ameno, i gemelli Del Franco con mogli,figli ed amici, la signorina Melania ed il cugino Antonio Mormile, il proprietario dello stabilimento San Pietro ad Ischia Porto e il pasticciere Raffaele Schiano  con la moglie Lina  di Ischia Ponte già gestore di una rinomata pasticceria e bar nel Centro Storico. Raffaele Schiano ,sul palco del maestoso teatro della Nave Meraviglia con una capienza di circa 2000 persone, ha partecipato  in coppia con una signora emiliana alla gara culinaria di Master Chef, famosa trasmissione televisiva. Le coppie in gara erano tre, ma non si è saputo chi è stato il vincitore, che avrà il diritto di partecipare al prossimo programma televisivo. Ringraziamo il comandante Mattia Manzi per la sua disponibilità e per averci concesso questa intervista nel suo appartamento-ufficio in mezzo al Mare Mediterraneo e gli auguriamo sempre maggiori successi.. Questi sono gli uomini di cui Ischia mena vanto e dei quali  ha per davvero  bisogno.

!cid_2799273d-a76a-b8dc-c64d-c709fef0d2e6@yahoo

IL COMANDANTE DELLA NAVE MERAVIGLIA L' ISCHITANO DI FORIO CAPITANO MATTIA MANZI

dav

!cid_15feef3f716188496281

!cid_87016c7c-760f-57ad-aa8f-2392554fed13@yahoo

2017-11-25-PHOTO-00000526

SHIRLEY MEALS-LUBRANO NELLA PROMENADE DELLA NAVE

dig

unnamedIL GRUPPO DEI CROCIERISTI ISCHITANI NELLA SALA RISTORANTE DELLA NAVE MERAVIGLIA

!cid_15feefaf13a693a33231

dig

!cid_15feefc256f7ccaaa291


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1170243P1170158

P1170172

******************************************************************

*****************************************************

*************************************************

P1170120

P1170129

P1170125

P1170130

P1170131

P1170134

P1170123

P1170137

P1170139

P1170140

P1170142

P1170147

P1170148

P1170149

P1170151

P1170158

P1170152

P1170164

P1170165

P1170167

P1170168

P1170169

P1170172

P1170173

P1170176

P1170179

P1170180

P1170181

P1170183

P1170188

P1170189

P1170190

P1170192

P1170194

P1170195

P1170196

P1170203

P1170206

P1170208

P1170209

P1170212

P1170213

P1170222

P1170223

P1170224

P1170225

P1170226

P1170227

P1170229

P1170237

P1170239

P1170240

P1170245

P1170246

P1170247

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Superare le divergenze gestionali ed avviare iniziative adeguate per il rilancio

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 90

                                                                    §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Di MICHELE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

L’isola può sentirsi unita anche per l’effetto delle attività portuali dei suoi cinque approdi per la nautica da diporto, ed i suoi circa millecento posti barca attualmente operativi. L’isola d’Ischia al riguardo si propone sul mercato turistico con grandi ambizioni di sviluppo nel settore. Tanti i progetti ancora da realizzare, le eccellenze al momento sono costituite dai moli di ormeggio di Lacco Ameno e di Porto d’Ischia, gli unici attrezzati in maniera tale da poter accogliere panfili e yacht che superano i 60 metri di lunghezza. Un soddisfacente equilibrio fra gestione privata e pubblica si registra presso lo scalo di Casamicciola Terme, mentre ancora tanto da fare c’è sicuramente a Forio e Sant’Angelo, dove continue diatribe legali ed amministrative fra enti pubblici e privati, fanno scontare enormi ritardi sul piano organizzativo e della realizzazione delle infrastrutture e dei servizi. A monitorare il sistema Ischia e fare il punto della situazione, sono gli stessi utenti. L’unione nazionale armatori da diporto è da tempo in prima linea nel fornire le sue valutazioni in ordine al livello organizzativo e gestionale raggiunto nei diversi scali isolani. L’Organizzazione, da tempo segue con interesse gli sviluppi di un mercato come quello isolano che in prospettiva avrà grandissime potenzialità e sembra – in questo momento – la più titolata ad assegnare i punti sulla speciale pagella di qualità dei servizi. Cominciamo da Lacco Ameno, che oltre ad avere i più importanti alberghi di lusso, è storicamente sull’isola il luogo dove è nata la cultura della portualità turistica. Non male viene giudicata la gestione attuata dalla “Luise”, al molo “Seventh Heaven” dove solitamente attraccano i panfili dei vip e dei personaggi come Abramovich, la famiglia McDonald, lo sceicco del Qatar, i principi sauditi. Insufficiente viene giudicato invece l’insieme dei servizi offerti dalla gestione comunale all’altro approdo, quello della Fundera. Analoga valutazione, anche se con sfumature meno marcate, per lo scalo di Casamicciola, dove i servizi offerti dai privati vengono giudicati eccellenti a fronte di quelli comunali. Nel caso di Sant’Angelo, i diportisti rilevano addirittura passi indietro rispetto al recente passato e per Forio si segnala il preoccupante perdurare di una situazione di anarchia gestionale, che determina una pessima organizzazione dei servizi. La patata bollente in mano al sindaco Francesco Del Deo, primo diportista ed eccellente esperto di nautica da diporto.

IL PORTO DI CASAMICCIOLA E GLI APPRODI TURISTI PER LA NAUTICA DA DIPORTO DI LUSSO

L'APPRODO TURISTICO DI LACCO AMENO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

27/11/2017 · Ischia e la storia

I SEI SINDACI DELL'ISOLA D'ISCHIA ALLINEATI CON IL PFEFETTO CARTMELA PèAGANO SUL CASTELLO AL G7

I COMUNI DI BARANO E FORIO CON DELIBERA CONSILIARE SI SONO GIA’ UFFICIALMENTE ESPRESSI PER UN NO SECCO NONOSTANTE LA DIVERSA POSIZIONE DELLA CONSIGLIERA DLDEIANA DONATELLA MIGLIACCIO

PANORAMICA NOTTURNA DELLA BELLA ISCHIA

In vista delle Elezioni Politiche nazionali la consigliere regionale, possibile prossima candidata, Maria Grazia Di Scala, sta dando il meglio di se per riesumare il “morto” , convinta com’è, sue cifre alla mano, che l’isola col comune unico vi guadagnerebbe. Noi invece facciamo un diverso ragionamento con “calcoli” di tutt’altra natura, entrando direttamente nelle realtà delle cose, illustrando per altro in dieci punti cosa ci capiterebbe qualora ci propinassero la sventura di un unico comune a gestione egemonica

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

di ANTONIO LUBRANO

Foto di Giovan Giuseppe Lubrano

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Sgomberiamo  il campo da ogni falsa  interpretazione affermando, che tutta questa voglia matta di ritrovarsi domani cittadini ischitani di un comune unico senza prospettive e nemmeno illustrate, qualora ce ne fossero state, con onestà intellettuale, alla popolazione da chi ci vuol condurre in questo vicolo cieco, non crediamo sia fra le priorità del momento. In poche parole, il comune unico  non è necessario. Il referendum passato e perso poi, è stato solo spreco di tempo e soldi. Quindi diciamo convinti  No al comune unico. I comuni di Barano e Forio con delibera consiliare si sono già espressi ufficialmente per un no secco. Chi è favorevole, propinandoci sull’argomento stucchevoli relazioni scritte e parlate, non si rende conto del grave errore che commette. Meglio lasciare le cose come stanno e battersi invece per migliorare le singole realtà, magari con l’Unione dei Comuni sui grandi temi che tengono  l’isola in costante apprensione e cioè:  rifiuti, sanità, viabilità e traffico automobilistico, corpo vigili urbani unico, disciplina marina, edilizia pubblica e privata, assistenza sociale. In vista delle Elezioni Politiche nazionali la consigliere regionale, possibile prossima candidata,  Maria Grazia Di Scala, sta dando il meglio di se per riesumare il “morto”, convinta com’è, sue cifre alla mano, che l’isola col comune unico vi guadagnerebbe. Noi invece facciamo un diverso ragionamento con “calcoli” di tutt’altra natura, entrando direttamente nelle realtà delle cose. In primis: Il comune unico porta all’ingovernabilità dell’isola per l’effetto negativo di alcuni fra i motivi più pratici e palpabili che elenchiamo qui di seguito:1) Inevitabile ascesa  di un personaggio accentratore difficile da ridimensionare, del tipo di Domenico De Siano, che con le sue recenti “conquiste politiche,  avanza incontrastato. 2) Difficoltà a dir poco insuperabili per la formazione della maxigiunta, tenendo conto delle pretese, sempre al rialzo, degli altri comuni, ridotti per effetto del comune unico a semplici e rissose contrade o circoscrizioni che dir si voglia. 3) Guerra fratricida fra le varie “contrade”, ossia i comuni declassati, per la composizione delle varie commissioni: da quella del commercio a quella edilizia, dai beni ambientali alle spiagge, dalla sanità alla scuola e via enumerando. Ciascuno vorrà una fetta di potere, perché, nel caso del comune unico, la “torta” da dividersi diventa più grande. 4) I comuni cittadini si sentiranno sempre più lontani  dal rapporto diretto col sindaco, perchè questa figura, divenuta  più importante per l’accresciuto spazio di potere e di impegni, sarà sempre più inarrivabile. Sarà sempre un “delegato sindaco” a dare le risposte. 5) La distribuzione dei servizi municipali e paramunicipali, inevitabilmente cadrà nel caos, perché, la loro gestione non riuscirà a mettere d’accordo gli addetti ai lavori delle varie “contrade”. La patata più bollente che poco si vorrà maneggiare,  sarà il servizio pubblico dei taxi e microtaxi che dalle altre “contrade” dell’isola, vorranno “fare servizio pubblico” tutti a Ischia-centrale per diritto acquisito. Ne conseguiranno giornaliere risse di piazza fra taxisti di Ischia  e loro colleghi delle altre contrade dell’isola davanti ai turisti in fuga. 6) Acquedotto e rifiuti saranno la causa  che può mettere in crisi il governo centrale dell’isola, non preparato a sufficienza per frenare i bollenti spiriti di quei cittadini degli altri comuni, tipo Forio ad esempio, e politici più o meno impegnati, che ritenendosi di serie B, ossia fuori dalla stanza dei bottoni del Comune al comando,  che sicuramente sarà Ischia, faranno di tutto per boicottare quelle  iniziative che non appaiono di proprio gradimento. 7) I capitoli di spesa saranno un’altra dolente nota nella conduzione del paese a gestione unitaria. Saranno tanti i voti contrari in giunta ed in consiglio comunale, per manifesto  spirito campanilistico, a bloccare proposte di intervento  e progetti sul territorio, perché,  favorirebbero le esigenze dei casamicciolesi  piùtosto  che quelli dei lacchesi o dei foriani o anche degli ischitani. 8) Difficilmente panzesi, foriani, lacchesi e casamicciolesi  vorrebbero vedere i loro comuni, dall’aspetto amministrativo, ridotti a semplici circoscrizioni affidate a delegati che non decidono niente.  9) I finanziamenti a stanziamento unitario saranno il grande pomo della discordia fra i comuni accorpati, per il semplice motivo, che nessuno vorrà rinunciare a buona parte delle erogazioni di fondi a beneficio proprio e non della “contrada” concorrente. 10) fra tanto casino, spunterebbe inevitabilmente lo spettro del commissario prefettizio, che una volta materializzatosi, prenderebbe il posto del sindaco, della giunta e del consiglio comunale.  E potremmo continuare. Pertanto,  preferiamo che l’isola d’Ischia migliori con i suoi storici sei comuni, con le sue identità amministrative consolidate, con la sua voglia di rinnovarsi nelle aspirazioni possibili che conducono verso obiettivi certi e concreti. Noi non siamo quelle persone che  cambino per il solo gusto di cambiare, specie se all’orizzonte non si intravede chiarezza. Questa è la nostra  visione dell’argomento. Speriamo  non si commetta l’errore di trasformare l’isola d”Ischia in comune unico. Sarebbe davvero, oggi devastante,  una pazzia! Che potrebbe costarci molto caro. P.S.: Vallo a dire ai cittadini di Forio, Casamicciola, Lacco Ameno, Serrara Fontana, Barano che dovranno  portare in soffitta o buttare nella discarica più vicina il glorioso Gonfalone del proprio Comune di appartenenza. 

                                                                                                                                                        antoniolubrano1941@gmail.com

FRANCESCO DEL DEO SINDACO DI FORIO

IL SINDACO DI BARANO GIOSI GAUDIOSO

LA CONSIGLIERE REGIONALE MARIA GRAZIA DI SCALA POSSIBILE CANDIDATA PER FI ALLE PèROSSIOME ELEZIONI POLITICHE

 

27/11/2017 · L'EDITORIALE

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1160902

P1160876

P1160942

P1160969

**************************************************************

**********************************************

*******************************

P1160891

P1160873

P1160893

P1160879

P1160894

P1160896

P1160898

P1160899

P1160904

P1160905

P1160909

P1160877

P1160881

P1160883

P1160911

P1160912

P1160913

P1160915

P1160916

P1160918

P1160917

P1160919

P1160921

P1160922

P1160924

P1160925

P1160925

P1160926

P1160927

P1160929

P1160931

P1160933

P1160940

P1160941

P1160942P1160944

P1160946

P1160948

P1160950

P1160954

P1160955

P1160956

P1160959

P1160960

P1160961

P1160963

P1160965

P1160967

P1160969

P1160971

P1160974

P1160976

P1160981

P1160982

P1160983

P1160984

P1160985

P1160986

P1160987

P1160990

P1160992

P1160993

P1160994

P1160998

P1160999P1170002

P1170007

P1170010

P1170013

P1170014

P1170015

P1170020

P1170022

P1170023

P1170024

P1170026

P1170028

P1170029

P1170030

P1170031

P1170032

P1170034

P1170036

P1170040

P1170041

P1170042

P1170044

P1170048

P1170051

P1170052

P1170053

P1170054

P1170058

P1170059

P1170060

P1170062

P1170064

P1170066

P1170068

P1170069

P1170082

P1170070P1170071

P1170072

P1170073

P1170075

P1170078

P1170080

P1170081

P1170082

P1170084

P1170086

P1170084

P1170087

P1170093

P1170094

P1170095

P1170096

P1170099

P1170100

P1170101

P1170102

P1170103

P1170104

P1170105

P1170108

P1170113

P1170114

P1170115

P1170117

P1170119

P1160890

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1160729

P1160690

P1160686

************************************************************************

********************************************************

****************************************

P1160705

P1160710

P1160693

P1160698

P1160700

P1160714

P1160712

P1160715

P1160717

P1160718

P1160721

P1160723

P1160725

P1160727

P1160728

P1160729

P1160730

P1160731

P1160733

P1160734

P1160735

P1160736

P1160737

P1160739

P1160740

P1160741

P1160742

P1160743

P1160746

P1160748

P1160749

P1160753

P1160754

P1160755

P1160756

P1160757

P1160758

P1160759

P1160760

P1160763

P1160767

P1160771

P1160772

P1160773

P1160774

P1160776P1160778

P1160779P1160780

P1160781

P1160782

P1160786

P1160787

P1160788

P1160790

P1160791

P1160795

P1160793

P1160796

P1160800

P1160805

P1160807

P1160808

P1160809

P1160811

P1160812

P1160814

P1160817

P1160819

P1160820

P1160824

P1160825

P1160826

P1160827

P1160836

P1160839

P1160842

P1160844

P1160845

P1160846

P1160847

P1160857

P1160858

P1160859P1160861

P1160864

P1160865

P1160867

 P1160865

P1160870

P1160871

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1160355

P1160385

P1160370

**********************************************************************

**************************************************************

*******************************************************

P1160326

P1160317

P1160319

P1160324

P1160327

P1160329

P1160334

P1160340

P1160341

P1160342

P1160343

P1160345

P1160347

P1160351

P1160360

P1160361

P1160362

P1160365

P1160366

P1160367

P1160368

P1160370

P1160371

P1160372

P1160373

P1160374

P1160375

P1160376P1160378

P1160379

P1160380

P1160381

P1160382

P1160383

P1160384

P1160390

P1160392

P1160393

P1160394

P1160395

P1160396

P1160397

P1160401

P1160403

P1160407

P1160408

P1160410

P1160411

P1160413

P1160414

P1160417

P1160418

P1160421

P1160422

P1160433

P1160435

P1160440

P1160448

P1160451

P1160465

P1160466

P1160468

P1160407

P1160471

P1160472

P1160480

P1160481

P1160482

P1160483

P1160486

P1160487

P1160491

P1160494

P1160495

P1160496

P1160498

P1160501

P1160504

P1160505

P1160507

P1160508

P1160512

P1160513

P1160515

P1160516

P1160537

P1160542

P1160545

P1160546

P1160548

P1160551

P1160552

P1160554

P1160558

P1160560

P1160563

P1160567

P1160569

P1160572

P1160573

P1160574

P1160576

P1160581

P1160582

P1160597

P1160600

P1160601

P1160603

P1160311

**************************************************************

************************************************

****************************************

P1160605

P1160608

P1160609

P1160610

P1160611

P1160612

P1160614

P1160615

P1160616

P1160618

P1160619

P1160620

P1160621

P1160631

P1160632

P1160633

P1160634

P1160635

P1160636P1160638

P1160640

P1160647

P1160652

P1160654

P1160656

P1160658

P1160659

P1160660

P1160661

P1160665

P1160666

P1160668

P1160670

P1160672

P1160673

P1160675

P1160676

P1160679

P1160682

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

P1160293

P1160210

P1160221

**************************************************************************

*****************************************************************

*************************************************

P1150776

P1160193

P1160198

P1160204

P1160212

P1160211

P1160213

P1160222

P1160223

P1160224

P1160226

P1160228

P1160240

P1160241

P1160244

P1160246

P1160250

P1160255

P1160257

P1160263

P1160268

P1160274

P1160289

P1160290

P1160295

P1160303

P1160307

P1160308

P1150779

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE  LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§