§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Speciale di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_5211

SAM_5449

SAM_5452

SAM_5357

SAM_5334

********************************************************************

***************************************************

***********************************

SAM_5199

SAM_5205

SAM_5212

SAM_5218

SAM_5225

SAM_5229

SAM_5231

SAM_5234

SAM_5236

SAM_5244

SAM_5252

SAM_5253

SAM_5254

SAM_5260

SAM_5265

SAM_5267

SAM_5268

SAM_5270

SAM_5272

SAM_5273

SAM_5275

SAM_5276

SAM_5278

SAM_5279

SAM_5281SAM_5282

SAM_5289

SAM_5293

SAM_5294

SAM_5295

SAM_5296

SAM_5298

SAM_5299

SAM_5303

SAM_5304

SAM_5306

SAM_5307

SAM_5309

SAM_5313

SAM_5314

SAM_5315

SAM_5316

SAM_5321

SAM_5323

SAM_5325

SAM_5326

SAM_5330

SAM_5332

SAM_5333

SAM_5340

SAM_5334

SAM_5348

SAM_5349

SAM_5350

 SAM_5351

SAM_5353

SAM_5367

SAM_5357

SAM_5359

SAM_5360

SAM_5362

SAM_5363

SAM_5364

SAM_5366

SAM_5369

SAM_5376

SAM_5373

SAM_5379

SAM_5380

SAM_5383

SAM_5388

SAM_5393

SAM_5389

 SAM_5398

SAM_5402

SAM_5403

SAM_5408

SAM_5413

SAM_5414

SAM_5418

SAM_5416

SAM_5419

SAM_5420

SAM_5422SAM_5427

SAM_5428

SAM_5429

SAM_5430

SAM_5433

SAM_5434

SAM_5435

SAM_5379

SAM_5436

SAM_5435

SAM_5437

SAM_5440

SAM_5442

SAM_5445

SAM_5446 SAM_5449

SAM_5452

SAM_5210

SAM_5204

SAM_5198

SAM_5201

SAM_5203

Il Servizio Speciale

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_5172

cs

cd

19396788_1543993068986693_5356220928963339160_nc

chiesa d i portosalvo 7

********************************************************************************

****************************************************************

******************************************

SAM_5070

SAM_5080

SAM_5079

SAM_5083

SAM_5084

SAM_5085

SAM_5090

SAM_5091

SAM_5092

SAM_5093

SAM_5094

SAM_5076

SAM_5077

SAM_5078

SAM_5096

SAM_5098

SAM_5099

SAM_5104

SAM_5105

SAM_5107

SAM_5108

SAM_5072

SAM_5110

SAM_5111

SAM_5112

SAM_5113

SAM_5086

SAM_5129

SAM_5130

SAM_5131

SAM_5114

SAM_5115

SAM_5116

SAM_5122

SAM_5123

SAM_5124

SAM_5117

SAM_5118

SAM_5119

SAM_5121

SAM_5132

SAM_5133

SAM_5137

SAM_5139

SAM_5138

SAM_5143

SAM_5144

SAM_5145

SAM_5148

SAM_5149

SAM_5150

SAM_5152

SAM_5154

SAM_5155

SAM_5159

SAM_5161

SAM_5162

SAM_5163

SAM_5164

SAM_5165

SAM_5167

SAM_5168

SAM_5169

SAM_5170

SAM_5173

SAM_5171

SAM_5177

SAM_5172

SAM_5176

SAM_5178

SAM_5179

SAM_5180

SAM_5181

SAM_5182

SAM_5183

SAM_5184

SAM_5185

SAM_5186

SAM_5187

SAM_5188

SAM_5189

SAM_5190

SAM_5191

SAM_5192ù

SAM_5195SAM_5193

***********************************************

*************************************

****************************

SAM_5068

13938629_111648192616105_8551659148591433765_nv

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_4967

SAM_4929

SAM_5059

SAM_5028

SAM_4914

**************************************************************************

******************************************************

****************************************

SAM_4897

SAM_4896

SAM_4893

SAM_4901

SAM_4902

SAM_4903

SAM_4904

SAM_4906

SAM_4908

SAM_4909

SAM_4912

SAM_4913

SAM_4919

SAM_4922

SAM_4924

SAM_4925

SAM_4926

SAM_4928

SAM_4931

SAM_4932

SAM_4933

SAM_4935

SAM_4937

SAM_4938

SAM_4939

SAM_4941

SAM_4943

SAM_4946

SAM_4948

SAM_4951

SAM_4953

SAM_4955

SAM_4956

SAM_4957

SAM_4958

SAM_4961

SAM_4963

SAM_4964

SAM_4965

SAM_4968

SAM_4969

SAM_4971

SAM_4972

SAM_4973

SAM_4974

SAM_4975

SAM_4976

SAM_4978

SAM_4983

SAM_4984

SAM_4989

SAM_4991

SAM_4992

SAM_4995

SAM_5026

SAM_5027

SAM_5007

SAM_5011

SAM_5015

SAM_5017

SAM_5016

SAM_5019

SAM_5024

SAM_5034

SAM_5035

SAM_5037

SAM_5043

SAM_5047

SAM_5048

SAM_5055

SAM_5058

SAM_5059

SAM_5060

SAM_5063

SAM_4910

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§100_6935

SAM_4809

SAM_4794

SAM_4805

*********************************************************************

********************************************************

*********************************************

SAM_4744

SAM_4757

SAM_4758

SAM_4759

SAM_4761

SAM_4762

SAM_4763

SAM_4764

SAM_4765

SAM_4766

SAM_4767

SAM_4768

SAM_4773

SAM_4775

SAM_4776

SAM_4781

SAM_4782

SAM_4778

SAM_4785

SAM_4788

SAM_4790

SAM_4797

SAM_4800

SAM_4804

SAM_4805

SAM_4806

SAM_4809

SAM_4811

SAM_4814

SAM_4815

SAM_4817

SAM_4819

SAM_4840

SAM_4820

SAM_4822

SAM_4825

SAM_4826

SAM_4827

SAM_4830

SAM_4777

SAM_4833

SAM_4834

SAM_4836

SAM_4837

SAM_4840

SAM_4841

SAM_4842

SAM_4843

SAM_4845

SAM_4848

SAM_4851

SAM_4853

SAM_4854

SAM_4855

SAM_4857

SAM_4859

SAM_4861

SAM_4862

SAM_4872

SAM_4873

SAM_4874

SAM_4876

SAM_4883

SAM_4887

SAM_4888

SAM_4889

SAM_4890

SAM_4892

100_6935

madonns delle grazie in s pietro ischia

SAM_4749

Il Servizio particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_4647

SAM_4664

SAM_4675

*****************************************************************************************

*************************************************************

******************************************

SAM_4662

SAM_4666

SAM_4668

SAM_4669

SAM_4670

SAM_4671

SAM_4672

SAM_4674

SAM_4676

SAM_4677

SAM_4679

SAM_4680

SAM_4681

SAM_4684

SAM_4685

SAM_4686

SAM_4688

SAM_4689

SAM_4691

SAM_4692

SAM_4693

SAM_4694

SAM_4695

SAM_4696

SAM_4697

SAM_4698

SAM_4699

SAM_4701

SAM_4703

SAM_4704

SAM_4706

SAM_4707

SAM_4708

SAM_4712

SAM_4713

SAM_4714

SAM_4720

SAM_4721

SAM_4724

SAM_4728

SAM_4729

SAM_4732

SAM_4735

SAM_4736

SAM_4737

SAM_4641

SAM_4639

SAM_4640

Il Servizio particolare

da Lacco Ameno

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


QUELLA ROCCIA DI TRECENTO MILA ANNI FA SU CUI NACQUE DOPO IL CASTELLO D’ISCHIA

Servizio di MICHELE LUBRANO

*

Servizio di MICHELE LUBRANO

***************************************************************

La storia è una, ma chi ne tramanda i dati, la manipola, la interpreta, spesso trasmette ai posteri notizie, concentrati che i più puntigliosi ed esigenti per “amore della storia” seria vanno a verificare, consultano antichi scritti, pergamene e quant’altro. Sull’esistenza del Castello d’Ischia e sulla vita di Aenaria Sommersa di cui in questo Speciale ci occupiamo, ci sentiamo di offrire al lettore dati storici, sia pur differenti, ma interessanti abbastanza per accettarli. Il Castello Aragonese è una fortificazione che sorge su un’isola tidale di roccia trachitica posto sul versante orientale dell’isola d’Ischia, collegato per mezzo di un ponte in muratura lungo 220 m all’antico Borgo di Celsa, oggi conosciuto come Ischia Ponte. L’isolotto su cui è stato edificato il Castello deriva da un’eruzione sinattica avvenuta oltre 300.000 anni fa. Raggiunge un’altezza di 113 metri sul livello del mare e ricopre una superficie di circa 56 000 m². Geologicamente è una bolla di magma che si è andata consolidando nel corso di fenomeni eruttivi e viene definita “cupola di ristagno”. Altri storici danno la seguente versione: tra il 130 e il 150 d. C. una terribile eruzione vulcanica distrusse l’antica Aenaria e la fece sprofondare nel mare. Lo sprofondamento avrebbe causato il distacco dell’isolotto-castello dall’isola madre. S. Gregorio Magno in una lettera del 598 parla non di una, ma di due isole. Più tardi, con l’incremento dell’abitato sull’isolotto-Castello, il toponimo Insula si rivelò incompleto e fu necessaria l’aggiunta di Major (Insula Major) in contrapposizione al Castrum o Insula minor. Il Castello dall’VIII al IX secolo divenne una vera e propria fortezza. Il nome Iscla compare per la prima volta in una lettera di Leone III con la quale comunica all’imperatore Carlo Magno le incursioni fatte dai Mauri e le gravi sofferenze patite dalla popolazione nelle isole di Lampedusa, Ponza e Ischia. Quindi “Ischia” deriverebbe dal latino “insula” attraverso la forma intermedia Iscla: «ingressi sunt in insulam quae dicitur Iscla maiore, non longe a Neapolitana urbe» (giunsero sull’isola che è detta “Ischia maggiore”, non lontano dalla città di Napoli). Molti documenti medievali, a partire dall’anno 1036, fanno riferimento al Castrum Gironis, il Castello costruito sulla sommità dell’isolotto dove sorgeva “una città chiusa da un cerchio di mura”, il Girone appunto. Al Castello si accede attraverso un traforo, scavato nella roccia e voluto verso la metà del Quattrocento da Alfonso V d’Aragona. Prima di allora l’accesso era possibile solo via mare attraverso una scala situata sul lato nord dell’isolotto dal lato di Vivara. Il traforo è lungo 400 metri e il percorso è illuminato da alti lucernari che al tempo, fungevano anche da “piombatoi” attraverso i quali si lasciava cadere olio bollente, pietre e altri materiali sugli eventuali nemici. Il tratto successivo è una mulattiera che si snoda in salita all’aperto e conduce fino alla sommità dell’isola. Da questa strada si diramano sentieri minori che portano ai vari edifici e giardini. Dagli anni settanta del novecento è anche in funzione un ascensore, il cui percorso è ricavato nella roccia e che raggiunge i 60 metri sul livello del mare.

23/06/2017 · Ischia e la storia

ISCHIA PONTE UNITA E IN FESTA ACCAREZZA IL SOGNO DELLA RINASCITA D’ATTRAZIONE –  LUCI ACCESE E MUSICHE PER STRADA QUESTA SERA AL SECONDO “VENERDI’ DEL BORGO”

TURISTI IN FILA PER AENARIA SOMMERSA, L’ ISCHIA FILM FESTIVAL SUL CASTELLO, FESTE E MOSTRE ALLA TORRE DI MICHELANGELO, GRUPPI MUSICALI E ARTISTI DA STRADA PER L’INTERO CORSO DEL CENTRO STORICO

Estate piena e ricca per l’antico Borgo di Celsa che con una serie di iniziative mirate di promozione turistica e di festa popolare tiene viva l’attenzione dei turisti in cerca di nuove emozioni. Primi segnali per una nuova Festa a Mare agli scogli di S’Anna “inaugurata” dal nuovo Sindaco d’Ischia Enzo Ferrandino. Attesa per le novità. Il valore aggiunto di Aenaria Sommerse e i tanti “pescatori” della zona che negli ultimi tempi sono diventati collaboratori subacquei degli archeologi della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli impegnati a riportare alla luce la storia millenaria della città sommersa. Un mondo sotto il mare di Ischia che ha conquistato anche il quotidiano britannico “The Indipendent”

**************************************************
 Servizio di ANTONIO LUBRANO

***********************************************************************

19149402_10209011839793490_4784732895130006800_n-800x450

19146065_10209011821153024_4835259875336435316_n

Fotografie di ANTONIO DI MEGLIO

Ischia Ponte, da un po’ di tempo a questa parte, sta vivendo il sogno della rinascita che si è sempre prefigurato. Il Castello Aragonese rilanciato e curato dai suoi proprietari al passo con i tempi, la Torre di Michelangelo in attività culturale e sociale, i “Venerdì del Borgo” appena iniziati e ideati per rivitalizzare l’intero contesto ambientale già animato dalle nuove iniziative commerciali e turistiche in atto, l’Ischia Film Festval di Michelangelo Messina fra il Castello ed il Borgo, ed in fine Aenaria Sommersa con la sua sede di rappresentanza e dimostrazione storico archeologica nel cuore dell’antica Ischia Ponte, rappresentano nel loro insieme il peculiare carico patrimoniale messo in campo dalle organizzazioni mirate di sviluppo e rilancio di Ischia Ponte oggi sulla bocca di tutti per le particolari attenzioni che riceve da ogni parte. In prima fila, prima di tutti si colloca con rinnovate responsabilità il Comune d’Ischia che si è reso conto che il Centro Storico di Ischia Ponte e il Porto d’Ischia con le sue banchine di uso pubblico, sono le priorità da seguire fino alla soluzione definitiva delle loro deficienze evidenti (pontile aragonese e banchina di Portosalvo), denunciate e lasciate ancora irrisolte. Il nuovo sindaco Enzo Ferrandino e la nuova giunta che verrà, sono chiamati a farsi carico di queste realtà in sospeso che una volte sistemate, stanno alla base della conquista sociale che si vuol perseguire per la realizzazione di quel sogno di rinascita che specie a Ischia Ponte si crede di stare a toccare con mano. Domani a Ischia Ponte si riaccendono le luci, torna la musica da strada, si rianima l’intero percorso , da via Seminario fino al piazzale aragonese, per il secondo “Venerdì al Borgo”, felice iniziativa promozionale per attirare a Ischia Ponte, ormai classificato il centro storico più bello e seguito dell’isola, turisti alla ricerca di nuove emozioni e conoscenze di un luogo che esprime con la sua particolare ed intensa architettura, i suoi personaggi, gli episodi, tutta la storia antica dell’isola. Aenaria Sommersa, si può dire, è il valore aggiunto alla ricchezza ambientale dello storico Borgo di Celsa esteso fino al mare di Cartaromana fra il Castello e gli scogli di Sant’Anna con l’antica Torre di Michelagelo
all’origine dei Davalos a fare da puntello dominante alla storia raccontata di quei meravigliosi luogh,i rimasti tali ancora oggi che li celebriamo. Questo valore aggiunto che è per l’appunto Aenaria Sommersa è stato oggetto di discussione e ulteriori studi archeologici in un convegno di tre giorni tenutosi la settimana scorsa proprio nella sua sede di Ischia Ponte, promosso dall’”Associazione Culturale Archeologica” insieme all’Area Marina Protetta” Regno di Nettuno”,“Marevivo”, ” Marina di Sant’Anna”, “Ischiabarche” e “Navigando Verso Aenaria” a straordinaria testimonianza di un bene che non fa altro che arricchire il panorama di bellezze storiche e culturali che la vecchia Ischia Ponte sa di poter offrire al turista visitatore desideroso di volerne sapere e scoprire di più. Ischia Ponte ha a portata di mano un patrimonio storico-archeologico-culturale nascosto di cui solo di recente, se ne sta parlando con intensità e cognizione di causa. A farlo non sono gli ischiapontesi, legittimi depositari a propria insaputa del tesoro “segreto”, ma una Organizzazione operante in loco composta da esperti sub, archeologi sotto marni e studiosi della materia, identificabile nell’Associazione Marina di S. Anna, nell’Associazione Archeologica e nel Consorzio Ischia Ponte. Sigle che conducono ad un unico progetto di portata storico-ambientale, in cui ciascun organismo vanta un suo ruolo individuale attivo. Pare però che i soli cittadini di Ischia Ponte, sotto l’ala protettrice ( ? ) del Consorzio, sono stati o si sentono tagliati fuori da tutte le fasi dell’importante operazione che riguarda la scoperta della propria storia sommersa, di quella che fu la vita in frammenti dell’antica Aenaria, con testimonianze archeologiche dirette di lastricati, opere murarie, oggettistica in ceramica di svariate forme e dimensioni e da ultima del ritrovamento recentissimo di un’ancora dell’era romana. La quale ancora è comparsa tra la sabbia dei fondali, complice l’ultima sciroccata, appena all’esterno dell’area archeologica della baia di Cartaromana, a Ischia. E i ragazzi della Marina di Sant’Anna, che da sette anni si occupano, con la regia della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei – del recupero dei reperti della città sommersa di Aenaria, quasi non credevano ai propri occhi. Quindi l’ultimo, sorprendente ritrovamento nel mare che bagna Ischia è il ceppo in piombo di un’ancora romana: la punta di una marra ha catturato l’attenzione di uno degli operatori, Gaetano Lauro. Scoprirla e portarla a galla è stato complesso ed emozionante, come mostra un video di “Navigando verso Aenaria”. Che parte ha Ischia Ponte di fronte a tutto questo ? La nuova sede da poco inaugurata in Via San Giovan Giuseppe della Croce dove è possibile, a pagamento (le scuole pagano) vedere i filmati, per la verità interessantissimi, di Aenaria Sommersa realizzati nelle operazioni di scavo e di ricerca, non è sufficiente per vedere coinvolto tutto l’antico Borgo di Celsa in prima persona attraverso almeno un gruppo di suoi rappresentanti in grado di promuovere iniziative mirate,
affinchè Ischia Ponte e la sua gente insieme possano trarre i benefici auspicati. Senza dubbio suggestiva e misteriosa, è la città antica di Aenaria che tra il 130 e il 150 d.C venne completamente sommersa a causa di una calamità naturale. La città, che affaccia nel cuore della baia di Cartaromana ad Ischia, venne scoperta soltanto nel 1972 da due subaquei ischitani, Rosario D’Ambra e Pierino Boffelli, che durante l’immersione vennero a conoscenza di alcuni reperti sommersi che subito sottoposero all’attenzione del sacerdote archeologo di Lacco Ameno Don Pietro Monti. Recuperare la città portuale da metri e metri di profondità è impossibile, ma da qualche anno è nato un progetto che ha l’obiettivo di riqualificare e valorizzare l’area con alcune visite guidate che conducono i visitatori alla scoperta della zona archeologica sommersa. A bordo di una barca con fondale a vetri è infatti possibile intravedere i resti della città. Un mondo sommerso che ha conquistato anche il quotidiano britannico “The Indipendent”. L’inviato Michael Day è stato rapito dalla storia dell’antica Aenaria, ma anche dai tanti “pescatori” della baia. Questi negli ultimi tempi sono diventati collaboratori subacquei degli archeologi della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli impegnati a riportare alla luce la storia millenaria della città sommersa.

                                                                                                                                                                                                                    antoniolubrano1941@gmail.com

23/06/2017 · L'EDITORIALE

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_4579

SAM_4568

SAM_4556

*********************************************************

**********************************************

***************************

SAM_4565

SAM_4564

SAM_4572

SAM_4573

SAM_4574

SAM_4576

SAM_4579

SAM_4587SAM_4592

SAM_4594

SAM_4595

SAM_4598

SAM_4600

SAM_4605

SAM_4608

SAM_4613

SAM_4614

SAM_4615

SAM_4616

SAM_4621

SAM_4634

SAM_4635

SAM_4637

SAM_4551

SAM_4550

SAM_4638

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


iff_brand

iffdate

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

ISCHIA FILM FESTIVAL  DI MICHELANGELO MESSINA
Tante novità per l’edizione 2017 del festival dell’isola campana. E soprattutto tanto grande cinema e ospiti internazionali

Quindicesima edizione, l’Ischia Film Festival sta diventando adulto. E si vede.

Una rassegna, quella isolana, fondata e diretta da Michelangelo Messina fin dall’inizio e che quest’anno vede come direttore artistico anche Boris Sollazzo.

Una rivoluzione nel segno della continuità, è questo il filo rosso di questo IFF numero 15.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

Ai quattro concorsi internazionali (lungometraggi, documentari, cortometraggi e Location Negata, che vedrà quest’anno il vincitore premiato con il Bayer Award), si aggiunge infatti “Best of”, vetrina e competizione del meglio della stagione cinematografica italiana. Una parata di grandi opere e di stelle che vedrà un vincitore: il premio del pubblico, prima grande novità della rassegna, infatti, verrà assegnato solo per questa sezione.

Ospiti d’onore saranno John Turturro, che riceverà il premio alla carriera dell’IFF (l’IQOS Innovation Award), e Claudia Cardinale, già icona del manifesto dell’ultimo Festival di Cannes e sull’isola insieme alla figlia per l’omaggio e la retrospettiva (l’unica, finora) dedicata a Pasquale Squitieri che sarà aperta dall’attrice e ultima moglie del cineasta Ottavia Fusco.

In ordine di apparizione, saranno inoltre a Ischia per questo viaggio nella stagione cinematografica appena passata il futuro padrino della Mostra del Cinema di Venezia Alessandro Borghi, Andrea Arcangeli, Luca Barbareschi e Alessandro D’Alatri, i giornalisti Carlo Bonini e Giuliano Foschini con il documentario dedicato a Giulio Regeni, Francesco Bruni, i Globi d’Oro Isabella Ragonese e Francesco Amato, Daniele Vicari, Toni D’Angelo, Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Roberta Mattei, Krzysztof Zanussi, Walter Veltroni, Andrea Sartoretti, Claudia Potenza, Guido Lombardi, Edoardo De Angelis, Isa Danieli, Jasmine Trinca, reduce dal premio alla miglior interpretazione nella sezione Un Certain Regard a Cannes e Sergio Castellitto. E ancora Fabio Balsamo, geniale elemento del collettivo dei The Jackal, Elisabetta Rocchetti, Claudio Casazza, Patrizio Rispo, Vincenzo Alfieri, Gianfranco Pannone, Alessio Maria Federici, Volfango De Biasi. E tanti, tanti altri, giovani registi indipendenti e autori affermati, attori emergenti e interpreti che calcano palchi e set da molto tempo.

Altra novità importantissima è la sezione Under the Sky: una retrospettiva-prospettiva, uno sguardo su quel cinema che non arriva sul grande schermo, ma che cattura l’attenzione del pubblico con prodotti di altissima qualità. Si inizia con la piattaforma satellitare che ha cambiato, con il suo lavoro, la grammatica cinematografica del nostro paese, sia nella produzione che nella distribuzione nonché nella creazione: Sky. E per la prima volta delle serie tv, in un festival, non verranno proiettate solo le prime puntate ma saranno offerte al pubblico nella loro totalità, come si deve a un’opera cinematografica. Per l’Ischia Film Festival non ci sono recinti o pregiudizi, ma solo cinema in ogni sua declinazione: ecco perché The Night of sarà centrale nella retrospettiva dedicata al premio alla carriera John Turturro, che ritirerà il 26 giugno l’IQOS Innovation Award, così come 1993 alla Terrazza degli Ulivi ci dirà quanto la serialità televisiva italiana stia crescendo. Infine, l’anteprima italiana di Riviera, come sguardo sul futuro: la prima puntata sarà proiettata nella sala all’aperto più grande del Castello. Una delle serie tv più importanti della prossima stagione, una delle perle della programmazione di Sky Atlantic. In Under the Sky troverete anche il pregevole lavoro di Sky Arte: Federico Buffa tra i graffiti di New York, l’arte di Andrea Pazienza e Michelangelo Antonioni saranno il filo rosso di questo percorso in una realtà creativa unica in Italia.

Terzo passo di questa rivoluzione è una visione ancora più ampia del concetto di location, centro di di gravità permanente del festival. Come avviene in Immortality, coraggioso film iraniano, tutto ambientato in un treno, metafora di un paese intero e protagonista assoluto dell’opera. Perché l’identità territoriale e culturale di un paese può passare anche da una location come quella e perché se la location diventa elemento narrativo determinante il nostro festival non può e non deve trascurarla. E su questo solco, della scrittura visiva e narrativa della location, della sua centralità nella creazione cinematografica, che comincia la collaborazione con SIAE.

Penultimo step di questo nuovo viaggio verso il futuro è cambiare il premio alla carriera, ora IQOS Innovation Award. Premiare la carriera, il passato di un grande del cinema, ma anche la sua capacità di rinnovarsi, di cambiare, di cercare altro e altrove. Di non aver paura di location diverse, nella vita e nel cinema.

E neanche di quelle negate, come dimostra l’arrivo nella sezione più complessa e potente nei contenuti, del Bayer Award, per valorizzare ancora di più una delle idee più innovative di Michelangelo Messina, dell’Ischia Film Festival. E lo conferma anche il direttore comunicazione di Bayer Italia, Daniele Rosa, che premierà i giovani talenti della sezione.“L’impegno in questo Festival prosegue le nostre attività legate non solo al mondo del cinema, ma soprattutto del sociale. Dare voce con il nostro piccolo contributo a chi non ha diritto ad appartenere e vivere nel proprio paese a causa di una delle tante tragedie moderne assume un valore eccezionale per una multinazionale impegnata a migliorare la qualità della vita. Un evento che premia i giovani e affronta temi di negazione dei diritti umani non poteva non vederci impegnati nella    promozione      dei       progetti            migliori”.
Infine, il quinto tassello di questa rivoluzione: non si deve mai dimenticare la propria location, ecco Scenari Campani: nell’anno dello sforzo maggiore, nell’anno in cui in termini di quantità e qualità il festival si propone a livelli ancora più alti, nell’anno in cui il cinema italiano e internazionale cresce nella nostra rassegna e questi stessi puntano su di noi, ripartiamo anche e soprattutto dalla nostra regione, la Campania. Portando in una sezione non competitiva il meglio della produzione regionale, senza far alcuna differenza di genere, formato o durata.

Una rivoluzione nel segno della continuità, come dimostra il convegno annuale sul Cineturismo “Il Cineturismo in Italia; un’opportunità per il territorio: analisi e prospettive”, su un tema emerso per la prima volta all’IFF, grazie a Michelangelo Messina, precursore dello stesso e inventore del neologismo ora usato in tutto il mondo. Anche in questa edizione politica, cinema e turismo si incontrano per discuterne.

Ischia Film Festival 15, dunque, ma anche 1+5. Un nuovo esordio e 5 grandi novità.Ischia Film Festival 2017 è sostenuto da MiBACT – Direzione Generale per il Cinema, SIAE e Regione Campania, con il contributo di Philip Morris Italia e Bayer Italia. Si ringraziano inoltre gli sponsor tecnici: B:rent, Alilauro, MedMar, Cantine Antonio Mazzella, Negombo Poseidon, Ambrosino, Ceramiche Mennella, Euro Test Service, Carlone.

direzioni_festival


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Servizio Particolare di

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SAM_4355

SAM_4358

SAM_4413

*******************************************************************

******************************************************

**************************************************

SAM_4359

SAM_4367

SAM_4373

SAM_4378

SAM_4380

SAM_4384

SAM_4385

SAM_4390

SAM_4394

SAM_4396

SAM_4399

SAM_4400

SAM_4401

SAM_4402

SAM_4404

SAM_4405

SAM_4406

SAM_4410

SAM_4411

SAM_4412

SAM_4413

SAM_4417

SAM_4420

SAM_4423

SAM_4424

SAM_4425

SAM_4426

SAM_4427

SAM_4428

SAM_4429

SAM_4430

SAM_4431SAM_4433

SAM_4435

SAM_4436

SAM_4439

SAM_4441

SAM_4442

SAM_4443

SAM_4444

SAM_4446

SAM_4447SAM_4449

SAM_4450

SAM_4451

SAM_4455

SAM_4457

SAM_4458

SAM_4460

SAM_4461

SAM_4462

SAM_4464

SAM_4465

SAM_4466SAM_4467

SAM_4468

SAM_4469

SAM_4470

SAM_4474

SAM_4475

SAM_4476

SAM_4478

SAM_4482

SAM_4483

SAM_4485

SAM_4485

SAM_4487

SAM_4489

SAM_4491

SAM_4492

SAM_4493

SAM_4494

SAM_4496

SAM_4497

SAM_4499

SAM_4501

SAM_4503

SAM_4504

SAM_4505

SAM_4506

SAM_4507

SAM_4508

SAM_4509

SAM_4510

SAM_4512

SAM_4513

SAM_4515

SAM_4516

SAM_4519

SAM_4520

SAM_4521

SAM_4523

SAM_4524

SAM_4525

SAM_4527

SAM_4528

SAM_4529

SAM_4531

SAM_4532

SAM_4533

SAM_4536

SAM_4539

SAM_4542

SAM_4543

SAM_4544

SAM_4545

SAM_4548

SAM_4549

SAM_4346

SAM_4349

Il Servizio Particolare

è stato realizzato da

GIOVAN GIUSEPPE LUBRANO

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§